rotate-mobile
Cronaca

Rapina a mano armata in pizzeria: due minorenni affidati a comunità rieducative

Una 16enne e un 15enne sono stati destinati alle strutture su disposizione del Tribunale per i minorenni di Lecce. L’episodio a Ugento, lo scorso 18 febbraio

UGENTO – Due minori, ritenuti responsabili in concorso della rapina aggravata in una pizzeria di Ugento a del porto abusivo di armi, sono stati collocati presso le comunità su disposizione del Tribunale per i minorenni di Lecce. I carabinieri della stazione di Ugento hanno infatti eseguito il provvedimento cautelare emesso dal gip, nelle scorse ore, su richiesta della Procura dei minori.

Una ragazzina di 16 anni e un amico di 14 saranno infatti ospiti di due strutture salentine, individuate dal Centro per la giustizia minorile per la Puglia di Bari. Assieme ad altri due maggiorenni, uno dei quali fermato e poi scarcerato, avrebbero messo a segno un colpo all’interno della pizzeria “Del Corso”, in via Messapica a Ugento, la sera del  18 febbraio.

Armati e con il volto coperto per non essere riconoscibili, i due adolescenti del gruppo avrebbero anche indossato dei capi di abbigliamento di taglie decisamente più grandi, con l’intento di dissimulare le proprie caratteristiche fisiche e depistare gli inquirenti. Una volta nel locale commerciale, si sarebbero impossessati di una somma di circa 250 euro, prelevata dal registratore di cassa, per poi fuggire dapprima a piedi, poi a bordo di una Fiat Punto di colore grigio intestata al nonno di uno dei due. Tramite i filmati dei sistemi di videosorveglianza, i militari ugentini sono risaliti all’identità dei due minorenni i quali, al termine delle formalità di rito, sono stati affidati alle comunità rieducative.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina a mano armata in pizzeria: due minorenni affidati a comunità rieducative

LeccePrima è in caricamento