Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Mistero a Uggiano: 61 enne carbonizzato in auto

Il cadavere di Giovanni Caggese è stato rinvenuto questa mattina vicino ad una masseria nella zona di Uggiano. Si trovava in una 500 ancora in fiamme, di proprietà della figlia. Forse è un suicidio

L'auto carbonizzata dove ha trovato la tragica morte il 61enne di Uggiano (foto di Mauro Bortone per LeccePrima)

La vicenda è avvolta nel mistero. Un'auto in fiamme, parcheggiata nei pressi di masseria Consalvi, sulla provinciale che collega Cerfignano a Uggiano la Chiesa, e all'interno un corpo completamente carbonizzato. Una pattuglia della guardia forestale si accorge del rogo, i militari scendono dall'auto, si avvicinano, e fanno la macabra scoperta. E' accaduto nelle prime ore di questa mattina. Sul posto, allertati proprio dalla forestale, arrivano i vigili del fuoco, poi un'ambulanza del 118. Qualcuno, con una voce concitata, aveva allertato anche loro, probabilmente in un disperato quanto inutile tentativo di salvare la persona che, all'interno dell'auto, stava morendo tra le fiamme. Ma non c'è stato nulla da fare. Anche se l'incendio era ancora in corso, all'arrivo dei vigili del fuoco, il corpo all'interno era già completamente carbonizzato, tanto che riuscire a risalire alla sua identità è stato difficoltoso.

Gli agenti del commissariato di Otranto diretti da Marco Stradiotti , arrivati sul posto per le indagini, sono riusciti a ricostruire il numero di targa di quella Fiat 500 nera ormai completamente distrutta e risalire alla proprietaria: una donna di Uggiano la Chiesa di 28 anni. L'auto però era utilizzata spesso dal padre, e la persona all'interno dell'abitacolo è proprio lui: Giovanni Caggese, un pensionato di 61 anni. Un mistero fitto sul quale ora sono in corso tutte le indagini.

Sul posto è arrivato da Lecce anche il medico legale Roberto Vaglio per la ricognizione cadaverica. Un suicidio, è la prima ipotesi presa in considerazione. Di certo l'uomo, trovato seduto al posto di guida, in quella zona impervia e inaccessibile, ci è arrivato volontariamente, attraversando una fitta zona di bosco molto difficile da raggiungere. Era solo o in compagnia di qualcuno? Questo è tutto da verificare. Sul posto, al momento, non sarebbero state trovate taniche o altri contenitori di benzina. L'uomo, se si fosse trattato di un suicidio, potrebbe aver cosparso l'auto di liquido infiammabile e poi aver appiccato il fuoco dopo essersi seduto nell'abitacolo. Ma questa è solo una delle ipotesi.


Quel che è certo è che tutto deve essere accaduto alle prime ore di questa mattina. L'uomo ha messo in moto la macchina e si è allontanato da casa dopo aver detto ai suoi familiari che si sarebbe recato in campagna. Ma in realtà il suo terreno si trova da tutt'altra parte, e la strada che ha imboccato è completamente diversa. I familiari sono stati allertati solo in tarda mattinata, dopo tutti gli accertamenti. Al momento gli inquirenti escludono, al 90 per centro, che si possa essere trattato di un omicidio. Le ipotesi più accreditate sono quella del suicidio ma anche quella della disgrazia. Non è escluso infatti che l'uomo possa essersi addormentato in auto con una sigaretta accesa e che non si sia accorto di nulla.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mistero a Uggiano: 61 enne carbonizzato in auto

LeccePrima è in caricamento