Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Modifica la targa e la multa finisce dritta a Venezia, ma il furbo viene scoperto

Il trasgressore, "pizzicato" con autovelox sulla statale 613 all'altezza di Torchiarolo, è un 42enne casaranese, al quale era bastato apporre nastro adesivo bianco per cambiare una E in una F. Scoperto dopo indagini, quando un veneto che non è mai stato in zona ha sporto denuncia

La sede della polizia locale di Torchiarolo.

TORCHIAROLO – Furbo lui. C.M., 42enne di Casarano, aveva modificato ad arte la sua targa perché di fronte a eventuali “foto ricordo” dell’autovelox non gli fosse recapitata la multa. Trasformando una sola lettera, la E, in una F. Un tratino di meno, e tutto cambia. E per farlo gli è bastato usare nastro adesivo bianco, in modo che l’ultima stanga si confondesse con lo sfondo. 

Immaginarsi, allora, la faccia mortificata del povero veneziano che s’è visto recapitare una multa proveniente nientemeno che dal comando di polizia locale di Torchiarolo. Evidentemente, le due targhe sono quasi identiche tranne, appunto, per una singola lettera. Gli agenti gli hanno contestato di aver pigiato un po’ troppo il pedale sull’acceleratore lungo la strada statale 613.

Proprio lui, che magari usa più la gondola dell’auto e che a stento sa dove si trovi quella statale. Avrà finito per guardare attentamente sulla mappa per scoprire che Torchiarolo si trova in provincia di Brindisi. “Mai stato lì, ciò!” 

L’uomo s’è subito mosso per spiegare che doveva necessariamente esservi stato un equivoco, che qualcosa proprio non quadrava. N’è nata un’indagine, sulla scorta di una denuncia presso i carabinieri veneti, che ha interessato ovviamente anche la stazione dei militari brindisini, la stessa polizia locale di Torchiarolo oltre a quella veneta, e che ha portato ancor più in basso nella mappa d’Italia, fino a Casarano. Dove il 42enne è stato denunciato per falsità materiale e contraffazione di targa.

Nota finale: a Torchiarolo hanno constatato come questo sia stato il secondo caso nell’arco di un anno. In precedenza era incappato un pescatore della provincia di Lecce. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Modifica la targa e la multa finisce dritta a Venezia, ma il furbo viene scoperto

LeccePrima è in caricamento