Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Molestata durante una radiografia, a processo un tecnico dell’ospedale di Scorrano

Inizierà l’8 novembre il processo nei riguardi di L.R., 60enne di Spongano, accusato di violenza sessuale perché avrebbe palpeggiato e baciato una paziente durante l’esecuzione dell’esame

SCORRANO - Si sarebbe ritrovata completamente nuda e con addosso le mani di uno sconosciuto che l’avrebbe anche baciata sulla bocca contro la sua volontà. E’ questa la disavventura che una trentenne leccese avrebbe vissuto il 4 gennaio del 2020 nell’ospedale “Veris delli Ponti” di Scorrano dove era giunta per eseguire una radiografia al torace e alle spalle. A molestarla sarebbe stato proprio il tecnico radiologo incaricato di eseguire l’accertamento.

Sarà un processo a stabilire se le accuse mosse dalla paziente siano fondate. Lo ha deciso in mattinata il giudice Sergio Tosi che ha fissato per l’8 novembre la prima udienza dinanzi ai giudici della prima sezione penale del tribunale di Lecce.

L’uomo, L.R., un 60enne di Spongano, attraverso gli avvocati difensori Amilcare Tana e Marcello Urso, aveva chiesto di essere giudicato col rito abbreviato condizionato dall’ascolto di una collega, ma il gup ha respinto l’istanza, rinviandolo a giudizio.

Sempre oggi, durante l’udienza preliminare, il gup ha accolto la costituzione di parte civile della Azienda sanitaria locale (con l’avvocato Alfredo Cacciapaglia) che sarà in aula anche come responsabile civile, e della presunta vittima (con l’avvocato Giuseppe Nisi).

Stando all’accusa, il tecnico dopo aver fatto spogliare la donna, si sarebbe avvicinato alle sue spalle mentre era accostata al macchinario, prima le avrebbe toccato con insistenza il seno, poi con la scusa di verificare se avesse dolore alla spalla sinistra, si sarebbe posizionato dinanzi a lei e l’avrebbe baciata sulle labbra.

La malcapitata però non perse tempo e qualche ora dopo raggiunse la caserma dei carabinieri per riferire dell’episodio. Così con la sua denuncia mise in moto le indagini che portarono all’identificazione del tecnico radiologo e alla sua iscrizione sul registro degli indagati per violenza sessuale da parte del pubblico ministero Giorgia Villa.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molestata durante una radiografia, a processo un tecnico dell’ospedale di Scorrano

LeccePrima è in caricamento