Cronaca

Molestie nei riguardi di una 16enne, sette anni all’amico di famiglia

Due gli episodi avvenuti nel 2014 contestati a un 59enne di Spongano. I giudici lo ritengono colpevole e gli impongono anche un risarcimento del danno della presunta vittima per 45mila euro

SPONGANO - Si fidavano di lui. Lo consideravano uno di famiglia, al punto da affidargli la figlia quando non se ne potevano occupare per impegni lavorativi. E invece lui avrebbe tradito la loro fiducia nel peggiore dei modi, costringendo la ragazza, all’epoca dei fatti 16enne, a compiere e subire atti sessuali.

Questo ha raccontato l’inchiesta condotta dal pubblico ministero Stefania Mininni che nel processo aveva chiesto la condanna a sette anni di reclusione per il presunto aguzzino, un 59enne di Spongano. E i giudici della prima sezione penale del tribunale di Lecce (composta dal presidente Gabriele Perna e dai colleghi Maddalena Torelli e Alessandra Sermarini) hanno condiviso la tesi accusatoria, pronunciando oggi un verdetto di colpevolezza che contempla la stessa pena invocata dal pm e riconosce pure un risarcimento del danno di 45mila euro alla ragazza (parte civile al processo con l’avvocato Roberto Rella).

Sono due gli episodi finiti sotto la lente dei giudici e sarebbero avvenuti entrambi nel dicembre del 2014, nell’auto del 59enne, durante il tragitto da scuola a casa.  

Dopo che saranno depositate le motivazioni del dispositivo (entro novanta giorni), l’uomo potrà presentare il ricorso in appello (attraverso l’avvocato Luigi Corvaglia).  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molestie nei riguardi di una 16enne, sette anni all’amico di famiglia

LeccePrima è in caricamento