Molestie sessuali su una ragazzina, ottiene i domiciliari l'agricoltore arrestato

Ha lasciato il carcere l'uomo di 58 anni arrestato con l'accusa di violenza sessuale su una ragazzina di 11 anni compiuti da poco. Al termine dell'udienza il gip Stefano Sernia ha convalidato l'arresto dell'agricoltore e disposto i domiciliari

LECCE – Ha lasciato il carcere l’uomo di 58 anni di Tricase arrestato con l’accusa di violenza sessuale su una ragazzina di 11 anni compiuti da poco. Al termine dell’udienza il gip Stefano Sernia ha convalidato l’arresto dell’agricoltore e disposto i domiciliari, accogliendo l’istanza del legale dell’uomo, l’avvocato Mario Ciardo. Nel corso dell’interrogatorio il 58enne ha confessato di aver costretto la piccola vittima, figlia di alcuni vicini di casa, a salire in auto per condurla in un casolare nella zona industriale di Tricase, dove l’ha poi obbligata a compiere atti sessuali. L’uomo si è “giustificato” dicendo di essere stato colto da una sorta di impulso sessuale irrefrenabile. La decisione del giudice è stata adottata sulla base della minore gravità dei fatti.

L’agricoltore è stato arrestato in flagranza di reato grazie all’acume e l’intuito investigativo di un agente della polizia penitenziaria cui, seppur non in servizio, non è sfuggita la presenza di quell’auto sospetta parcheggiata nei pressi di un edificio disabitato. Giunto sul posto l’agente ha sorpreso l’uomo ancora intento a rivestirsi e la ragazzina in lacrime. All’interno del casolare, inoltre, erano ben visibili le prove di quanto accaduto poco prima.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Immediata la segnalazione alle forze dell’ordine, sul posto sono quindi arrivati i carabinieri della compagnia di Tricase e gli agenti di polizia del commissariato di Taurisano che hanno proceduto all’arresto dopo aver informato pubblico ministero di turno, Paola Guglielmi. La piccola vittima delle violenze è stata ascoltata a lungo in presenza dei suoi genitori, del loro legale l'avvocato Tony Indino, e della psicologa della Procura. Le indagini proseguono per stabilire se si sia trattato di un caso isolato o se vi siano stati dei precedenti come ipotizzato dagli inquirenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento