Cronaca

Molestie su una bimba di 5 anni? Indagato bidello

Violenza sessuale aggravata è la contestazione a carico di un uomo di 47 anni che ha lavorato nel passato in una scuola materna di Copertino. Il racconto della piccola fatto alla sorella maggiore

interno_scuola

LECCE - C'è un altro bidello indagato per violenza sessuale. Un caso analogo, almeno nelle contestazioni, a quello di Cosimo Bruno My, l'ex operatore scolastico di Leverano, attualmente in carcere per aver molestato alcune bambine che frequentavano la scuola materna di via Turati. Il nuovo uomo su cui si concentrano i sospetti della Procura di Lecce, risiede in paese vicino a Leverano, ha 47 anni, ed è sposato con figli.

Il pubblico ministero Stefania Mininni lo ritiene responsabile del reato di violenza sessuale aggravata per aver importunato una bambina di cinque anni. Per un mese, dal settembre all'ottobre scorso. I fatti contestati riguardano una scuola materna di Copertino, dove l'uomo, comunque, non lavora più da diverso tempo.

Secondo l'accusa, il 47enne si sarebbe introdotto nel bagno mentre c'era la piccina, avvicinandosi sin troppo. Almeno, questo è quello che ha raccontato la bambina alla sorella maggiore. La figlia poi, dopo aver sentito la gravità di quanto detto dalla bimba, ha subito informato la madre dell'accaduto. La preside dell'istituto, dopo aver ricevuto i genitori dell'allieva, come da prassi ha informato immediatamente la Procura.


Le indagini, tuttora in corso, sono affidate ai carabinieri. Questa mattina il gup Vincenzo Brancato avrebbe dovuto conferire l'incarico ad una psicologa che, nell'ambito dell'incidente probatorio chiesto dalla Procura, dovrà valutare l'attendibilità della piccola. Ma la specialista è stata costretta a rinunciare all'incarico poiché conosceva già i genitori della presunta vittima. I famigliari della bambina sono assistiti dagli avvocati Francesco Spagnolo ed Ilio Faggiano. L'indagato è difeso dall'avvocato Luigi Carrozzini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molestie su una bimba di 5 anni? Indagato bidello

LeccePrima è in caricamento