Cronaca

Mongelli: "E per fortuna il diritto al voto è libero"

Il candidato indipendente nei Comunisti italiani e Codacons lista consumatori punta il dito sulla vicenda riguardante la richiesta di scambio di voto per agevolare una pratica allo sportello Usl

Piero Mongelli

"E per fortuna il diritto al voto è libero ed incondizionato". La considerazione è di Piero Mongelli, candidato indipendente nei Comunisti italiani, e nasce dall'episodio che ha interessato un cittadino che ad uno sportello della Usl di Lecce gli era stato "promesso" il personale impegno da parte dell'impiegato sulla risoluzione di una pratica ma in cambio del voto alle amministrative per il proprio "santino".

"La richiesta di un voto per accelerare una pratica al pari della richiesta di voto per favori fatti sui diritti e sulla pelle dei cittadini è inaccettabile e scandaloso - afferma Mongelli - ed è per questo motivo che nella prossima agenda politica cittadina, forte deve essere l'attenzione verso queste sgradevoli situazioni e forte deve essere l'impegno a far sì che ciò non si verifichi più e che il cittadino sia libero di scegliere e di votare la persona che ritiene meglio possa tutelare i suoi diritti che sono tali sempre e comunque e non solo, come invece sembrerebbe, in campagna elettorale".

"La storia raccontata del singor Spedicato mi indigna oltre misura - aggiunge - ma fa comprendere a quale livello sta sempre più scendendo la campagna elettorale, dove il voto è frutto di mercimonio o, peggio, di un ricatto. Per questo motivo bisogna con fermezza e decisione battersi per la trasparenza e l'imparzialità dell'azione amministrativa colpendo con tutta la decisione possibile i comportamenti denunciati dal cittadino leccese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mongelli: "E per fortuna il diritto al voto è libero"

LeccePrima è in caricamento