Monitor rubati in Comune e oggetti sacri in chiesa: la polizia ritrova la refurtiva

Gli agenti del commissariato di Nardò hanno eseguito una perquisizione in casa di un 37enne del posto che è stato denunciato per ricettazione

Due agenti con la refurtiva recuperata.

NARDÒ - Aveva nascosto in un'intercapedine ricoperta da un pannello, all'interno di borsoni e sacchi neri per i rifiuti, monitor rubati nell'ufficio tecnico del Comune di Nardò e oggetti trafugati in due diverse circostanze presso la Chiesa della Santa Famiglia, tra cui una fonte battesimale in rame, calici in oro e argento, pissidi, incensiere. 

Gli agenti del commissariato di Nardò hanno recuperato la refurtiva nel corso di una perquisizione nell'abitazione di un 37enne del posto, R.R., che è stato poi denunciato all'autorità giudiziaria per ricettazione.

Gli episodi contestati all'uomo sono tutti recenti: il furto presso l'ufficio tecnico era stato consumato a ferragosto. A distanza di pochi giorni dunque, tutti i monitor sono stati restituiti al responsabile del settore. Gli oggetti sacri sono stati invece consegnati a don Giuseppe Orlando, parroco della chiesa, che, insieme all'amministrazione comunale ha voluto ringraziare la polizia per il lavoro svolto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Violenze durante il sonno, a processo il padre adottivo

  • Finanziamenti con documenti falsi, al terzo tentativo scattano le manette

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento