Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Alfa 147 rubata con targhe e libretto di un modello regolare: arrestato

Un 31enne di Monteroni, fermato dai carabinieri di Scorrano. A febbraio fu inseguito con un complice. Abbandonarono l'auto e fuggirono. S'è scoperto che l'uomo aveva acquistato a poco un modello identico incidentato, usandone i documenti per nascondere la provenienza furtiva della seconda

MONTERONI DI LECCE – I carabinieri della stazione di Scorrano hanno arrestato Marco Caramuscio, 31enne di Monteroni di Lecce, già noto alle forze dell’ordine. Risponde di riciclaggio, falsità materiale commessa da privato, sostituzione di persona, soppressione, distruzione e occultamento di atti veri, tutti in concorso con un complice ancora non identificato. Al centro di tutto, un’Alfa 147 rubata alla quale sono state apposte targhe di un veicolo regolare dello stesso modello

L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal gip del Tribunale di Lecce su richiesta del pm Roberta Licci.  Le indagini sono nate nel febbraio scorso, quando nel corso di un pattugliamento, i carabinieri hanno notato l’Alfa nei pressi del distributore di benzina la strada provinciale 64 che collega Scorrano e Muro Leccese. A bordo, due persone con atteggiamento sospetto e guardingo che, alla vista dei militari, diedero alla fuga in direzione di Muro, per poi imboccare la statale 275 in direzione di Lecce.

I carabinieri li inseguirono e, Giunta allo svincolo per Poggiardo, l’autò si arrestò proprio sulla rampa di accesso alla provinciale 363. I due scesero e scapparono i mezzo alle campagne, approfittando del buio.

caramuscio1-2I carabinieri, perse le tracce dei fuggiaschi, avviarono però una serie di accertamenti, notando fin da subito una discrasia tra il numero di telaio e il libretto di circolazione, sebbene la targa fosse regolare.

Nel corso delle indagini è emerso che l’autovettura in questione era stata rubata a gennaio. Erano però state applicate le già citate targhe regolari, e all’interno dell’abitacolo c’era un libretto di un’autovettura dello stesso modello, acquistata pochi giorni prima, ad un prezzo irrisorio poiché aveva avuto un indicente.

S’è dunque scoperto che Caramuscio, utilizzando una patente contraffatta, aveva acquistatoo l’autovettura incidentata, utilizzando poi le targhe e il libretto di circolazione di quest’ultima per nascondere la provenienza illecita dell’Alfa Romeo 147 rubata.

I carabinieri sono risaliti al monteronese tramite l’accertamento dei movimenti bancari e l’ascolto di tutte le persone coinvolte nella compravendita dell’autovettura.

Caramuscio, sorvegliato speciale, già sottoposto ai domiciliari, questa mattina è stato raggiunto dai carabinieri della Stazione di Scorrano che hanno notificato l’ordinanza e l’hanno condotto presso la casa circondariale di Lecce. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alfa 147 rubata con targhe e libretto di un modello regolare: arrestato

LeccePrima è in caricamento