Morì a 17 anni dopo la caduta dal lucernario, condannata la dirigente scolastica

Arriva il primo verdetto sul drammatico incidente avvenuto l’8 gennaio del 2014 nella succursale del liceo scientifico De Giorgi, a Lecce: otto mesi, pena sospesa, a Giovanna Caretto

LECCE - E’ di otto mesi di reclusione che sconterà in libertà (avendo ottenuto il beneficio della pena sospesa) il verdetto nei riguardi della dirigente della succursale del Liceo scientifico De Giorgi di Lecce, in via Pozzuolo dove, l’8 gennaio del 2014, si verificò un drammatico incidente: uno studente, Andrea De Gabriele, perse la vita a 17 anni, dopo essere precipitato nel lucernario della scuola, nel tentativo di recuperare un giubbotto. Questa la vicenda che vedeva imputata Giovanna Caretto, 58 anni, di Surbo. Assistita dall’avvocato Stefano De Francesco, la preside aveva prodotto due consulenze per dimostrare che fossero state rispettate tutte le norme di sicurezza.

La sentenza emessa oggi nel processo discusso oggi col rito abbreviato dal giudice Carlo Cazzella,  al quale la pubblica accusa, rappresentata dal procuratore aggiunto Elsa Valeria Mignone, aveva invocato la pena di 4 mesi, contempla anche un immediato risarcimento del danno (il resto sarà quantificato e liquidato in sede civile) per complessivi 11.500 euro ai familiari del ragazzo (parte civile con gli avvocati Francesca Conte, Simone Potente, Luigi Corvaglia e Antonio De Mauro): 10mila euro ai genitori e 500 euro a testa a due zii e ai nonni.

Oltre a Caretto, l’inchiesta coinvolse il professore di educazione fisica Giuseppe Casilli, 66, di Cavallino (assistito dall’avvocato Luigi Covella), che durante l’udienza preliminare non fece richiesta di riti alternativi e per il quale si è proceduto col rito ordinario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Precipita dalle mura del centro di Gallipoli: un 30enne in gravi condizioni

  • Quell'auto sospetta agganciata più volte. Ed è una sfida ad alta velocità

  • Eroina, cocaina e marijuana: tre arresti, segnalati i due acquirenti

  • Breve temporale, ma il fulmine si abbatte sulla casa: impianto elettrico fuori uso

Torna su
LeccePrima è in caricamento