Morì dopo essere stato travolto da un rimorchio, pene confermate in appello

Quattro condanne a diciotto mesi in secondo grado per gli imputati del processo relativo alla morte di Luigi Apollinare

LECCE – Confermate in appello le condanne a un anno e sei mesi di reclusione (pena sospesa) per i quattro imputati del processo relativo alla morte di Luigi Apollinare, deceduto per arresto cardiocircolatorio dopo essere stato schiacciato dalla parte posteriore di un rimorchio, il 9 dicembre del 2006. I giudici della Corte d’appello hanno confermato la condanna per Vincenzo Franco di Caprarica di Lecce, amministratore della Franco Srl; Luigi Granchi di Sassari e Luigi Caputo di Melissano, rispettivamente amministratore e dirigente della Alpes (società per cui lavorava Apollinare); e Antonio Sebaste di Trepuzzi, in qualità di direttore del cantiere. I quattro sono accusati di omicidio colposo.

Il mezzo che travolse la vittima era di proprietà della ditta Franco srl, ma era stato concesso in uso alla Alpes. A vario titolo, i quattro non avrebbero fatto in modo che Apollinare (assunto come autista, ma impiegato anche per la riparazione dei mezzi), ricevesse un’adeguata formazione professionale e che svolgesse le proprie mansioni nel rispetto della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli imputati sono assistiti dagli avvocati Silvio Verri, Annagrazia Maraschio, Vito Epifani e Vito Melpignano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Covid, sei positivi in provincia di Lecce. Rollo: “Presenti in via temporanea”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento