Morte sospetta al "Fazzi", la Procura apre un'inchiesta dopo l'esposto dei parenti

Sarà la magistratura, con ogni probabilità, a fare luce sulle cause della morte di Vito Scategna, il 77enne di Carmiano deceduto il 3 giugno scorso, in circostanze poco chiare, nell'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce. Una morte tanto improvvisa quanto inaspettata, che ha spinto i famigliari della vittima a presentare un esposto alla amgistratura

LECCE – Sarà la magistratura, con ogni probabilità, a fare luce sulle cause della morte di Vito Scategna, il 77enne di Carmiano deceduto il 3 giugno scorso, in circostanze poco chiare, nell'ospedale “Vito Fazzi” di Lecce.

Una morte tanto improvvisa quanto inaspettata, che ha spinto i familiari della vittima a presentare un esposto, evidenziando possibili relazioni tra l’intervento subito (e il decorso post operatorio) e la morte del 77enne. Nella denuncia la famiglia chiede sia fatta luce sul decesso di Scategna e per questo è stato chiesto il sequestro delle cartelle cliniche, oltre che la riesumazione della salma e l'autopsia sul corpo dell’uomo.

L’esposto è finito sulla scrivania del magistrato di turno, che ha aperto un fascicolo a carico di ignoti. Nelle prossime ore il pubblico ministero potrebbe disporre il sequestro delle cartelle cliniche e dare avvio alle procedure di riesumazione. Accertamenti necessari a stabilire cause e modalità del decesso e fugare ogni dubbio su una morte dai contorni poco chiari e accertare se vi siano presunte negligenze e colpe mediche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo quanto denunciato, il 77enne, avrebbe raggiunto il nosocomio salentino a fine maggio, per sottoporsi ad un intervento ai polmoni. Il giorno successivo, però, le condizioni del paziente si sarebbero improvvisamente aggravate, probabilmente a causa di un blocco renale che, secondo i famigliari dell’uomo, non sarebbe stato diagnosticato e curato adeguatamente. Il paziente, già debilitato, sarebbe poi progressivamente peggiorato, tanto da portare al decesso in poco tempo per un arresto cardio circolatorio. Un decesso su cui nessuno sarebbe stato in grado di fornire riscontri e spiegazioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento