Morte sospetta di un 58enne nell'ospedale di Scorrano, cinque i medici indagati

arà la magistratura, con ogni probabilità, a fare luce sulle cause della morte di Luigi Mele, il poliziotto 58enne deceduto venerdì notte in un reparto dell'ospedale di Scorrano. Una morte tanto improvvisa quanto inaspettata, che ha spinto i famigliari della vittima a presentare un esposto

LECCE – Sarà la magistratura, con ogni probabilità, a fare luce sulle cause della morte di Luigi Mele, il poliziotto 58enne deceduto venerdì notte in un reparto dell’ospedale “Ignazio Veris Delli Ponti” di Scorrano. Una morte tanto improvvisa quanto inaspettata, che ha spinto i famigliari della vittima, assistiti dall'avvocato Paola Scarcia, a presentare un esposto, evidenziando possibili negligenze del personale medico. Nella denuncia la famiglia chiede sia fatta luce sul decesso e per questo è stato chiesto il sequestro della cartella clinica e l'autopsia sul corpo della vittima. La salma si trova nella camera mortuaria del Fazzi, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

L’esposto è finito sulla scrivania del magistrato di turno, il sostituto procuratore Maria Vallefuoco, che ha aperto un fascicolo e ha iscritto cinque medici nel registro degli indagati. Si tratta, comunque, di un atto dovuto, anche e soprattutto in vista dell’esame autoptico. Gli indagati, infatti, potrebbero nominare un consulente da affiancare a quello designato dalla Procura.

Il pubblico ministero, infatti, ha conferito al medico legale Roberto Vaglio l’incarico di eseguire venerdì prossimo l’autopsia sul corpo dell’uomo e disposto il sequestro delle cartelle cliniche. Accertamenti necessari a stabilire cause e modalità del decesso e fugare ogni dubbio su una more dai contorni poco chiari, giunta dopo una presunta infezione subentrata dopo un intervento chirurgico di routine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mele, dopo anni trascorsi in prima linea nella lotta alla criminalità tra le fila della squadra mobile di Lecce, da qualche tempo era in servizio presso l’ufficio passaporti della questura del capoluogo salentino. Un professionista stimato e ammirato da tutti i colleghi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento