Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Morte sospetta in corsia di un 55enne dopo due ricoveri, indaga la Procura

Il pubblico ministero ha disposto la riesumazione della salma e l'autopsia per Valerio Sabato, deceduto al Città di Lecce

LECCE – Sarà l’inchiesta della Procura del capoluogo salentino a fare luce sulle cause della morte di Valerio Sabato, il 55enne di San Vito dei Normanni deceduto il 14 marzo scorso nella clinica Città di Lecce dopo una lunga odissea sanitaria e due accessi all’ospedale “Perrino” di Brindisi, dove era stato ricoverato. A dare avvio alle indagini la denuncia presentata dai famigliari dell’uomo (la moglie e i tre figli del 55enne), che chiedono di sapere modalità e cause di una morte tanto improvvisa quanto inaspettata.

Il sostituto procuratore di Lecce Emilio Arnesano ha disposto la riesumazione della salma e l’esame autoptico sul corpo dell’uomo, che sarà eseguito nei prossimi giorni. Sono venticinque i nomi iscritti nel registro degli indagati. Si tratta di tutto il personale medico (in gran parte in servizio presso il “Perrino”) che ha avuto in cura la vittima, tra cui due cardiologi del Città di Lecce. L’iscrizione è, comunque, un atto dovuto, anche e soprattutto in vista dell’esame autoptico. Gli indagati, infatti, potrebbero nominare un consulente da affiancare a quello designato dalla Procura e dalla famiglia.

Secondo quanto denunciato tutto avrebbe avuto inizio il 12 marzo, quando il 55enne sarebbe stato colto dalla febbre alta e altri sintomi, diagnosticati inizialmente come virus. Le condizioni dell’uomo sarebbero poi peggiorate, tanto da richiedere l’intervento del 118 e il trasferimento presso il pronto soccorso del nosocomio brindisino, da cui sarebbe poi stato dimesso. Il quadro clinico sarebbe però peggiorato, tanto da richiedere il ricovero presso il “Perrino” e poi il trasferimento d’urgenza presso la clinica Città di Lecce, dove i medici avrebbero subito diagnosticato le gravi condizioni in cui versava il 55enne, deceduto poco dopo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte sospetta in corsia di un 55enne dopo due ricoveri, indaga la Procura

LeccePrima è in caricamento