Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Gallipoli

Mucillagine, Barba: "Pesca in crisi, governo assente"

Il sindaco di Gallipoli chiede lo stato di calamità naturale. "L'allarme è stato lanciato da tempo, ma alle parole non sono ancora seguiti i fatti"

"A distanza di tempo, ormai troppo tempo, dall'allarme lanciato per difendere e tutelare la categoria dei pescatori, messi in ginocchio dal fenomeno pervasivo della mucillagine, mi trovo costretto a notare che fino ad ora alle parole da parte delle autorità di governo competenti non hanno fatto seguito le opportune ed auspicate azioni per fronteggiare una crisi che comincia a diventare insostenibile".

Vincenzo Barba, sindaco di Gallipoli, prende una decisa posizione sull'emergenza ambientale che da mesi sta mettendo in crisi il settore ittico nella fascia jonica. "In qualità di primo cittadino di una città che, come Gallipoli, fa della pesca non soltanto un'attività di carattere economico, ma anche e soprattutto un momento di specchio identitario con le proprie radici e con la propria storia, sono a ribadire e rilanciare un appello accorato affinché ci si muova in una direzione di marcia univoca che consenta ai pescatori e agli addetti al comparto di non sentirsi abbandonati e alla pesca di guardare al proprio futuro con occhi di speranza".


"Ad oggi, infatti - prosegue Barba - siamo costretti ad assistere inermi alla preoccupante espansione del fenomeno della mucillagine che soltanto qualche anno fa sembrava così lontano dalle nostre vite e dalla nostra storia, un fenomeno di alghe e fango che prostra un'intera categoria e l'indotto che da essa trae linfa vitale. Dichiarare con immediata urgenza lo stato di calamità naturale - conclude - è soltanto il primo di una serie di fatti e atti che devono essere messi insieme per cominciare ad intravedere una risoluzione della vicenda".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mucillagine, Barba: "Pesca in crisi, governo assente"

LeccePrima è in caricamento