Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Muro: prende a pugni l'auto dei ladri. Che scappano via

La banda dell'Audi A4 torna in azione con la tenica del citofono. Per capire se le case sono vuote, per poi svuotarle. Ma questa volta gli è andata buca. Il proprietario è uscito. E non è stato fermo

Foto di repertorio

La tecnica, come la definisce il capitano Andrea Azzolini della compagnia dei carabinieri di Maglie è a dir poco rudimentale. Ma di certo non priva di una sua efficacia, se è vero che in più occasioni, grazie allo scampanellio nei condomini, i ladri sono riusciti ad arraffare soldi e gioielli dalle case. Proprio così, lo scampanellio ai citofoni: si appostano sotto le case a sera inoltrata e iniziano a citofonare a caso. Chi risponde, è lasciato in pace. Nel senso che in casa, evidentemente, ci sono i padroni. Se invece non va a rispondere anima viva, è il segnale. L'appartamento si può svuotare. Ad agire, la famigerata banda dell'Audi A6, alla quale ieri sera però è andata buca, e nonostante il supporto di una "compagna" di disavventure, una Bmw di colore chiaro.

Il fatto è accaduto a Muro Leccese, dove i ladri, usando la tecnica consolidata, hanno suonato a più campanelli attendendo gli eventi per capire come e se agire. E forse è successo quello che non si aspettavano, perché dopo qualche minuto il proprietario di uno degli appartamenti ha deciso di uscire personalmente da casa, bussando sul vetro dell'Audi. E chiedendo chi cercassero e cosa volessero. Indispettito per la mancanza di risposte, ma anche in allerta per le raccomandazioni che i carabinieri fanno da mesi su questi episodi, avendo intuito da solo cosa cercassero e cosa volessero, colto da ira ha sferrato un pugno al finestrino posteriore dell'auto. Che nel frattempo era già stata messa in moto. Morale, via a tutto gas.

I carabinieri ribadiscono le loro raccomandazioni per chi esce di casa di sera, anche se per poco tempo: chiudere le porte a chiave e mettere i fermi alle imposte. E ovviamente non aprire agli sconosciuti, avvertendo il 112 ogni volta che si abbia anche solo il sentore che ci siano auto "strane" parcheggiate nelle vicinanze di casa, soprattutto se con persone sedute dentro o con una sola persona in piedi all'esterno. Anche se si tratta di macchine di grossa cilindrata o costose. Certi ladri, si sa, amano il lusso (e le auto che gli permettono di raggiungere certe velocità in caso di fuga).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muro: prende a pugni l'auto dei ladri. Che scappano via

LeccePrima è in caricamento