Cronaca

Nascosti nelle campagne di Casarano un Kalashnikov e due fucili, si indaga

E' un vero e proprio arsenale quello scoperto dai carabinieri della compagnia di Casarano e del Nucleo investigativo

LECCE - E' un vero e proprio arsenale quello scoperto dai carabinieri della compagnia di Casarano e del Nucleo investigativo del comando provinciale di Lecce in contrada Madonna della Campana, in agro di Casarano. Le armi erano state perfettamente occultate all'interno di alcuni muretti a seccco, dove erano state ricavate delle nicchie. Un ritrovamento giunto al termine di una lunga e articolata attività investigativa, nell'amito dei controlli disposti dopo i recenti fatti di sangue avvenuti proprio a Casarano. Individuato il luogo del possibile nascondiglio delle armi, secondo un modus operandi comune alla criminalità locale che da sempre utilizza le campagne circostanti, i militari hanno battutto palmo a palmo la zona, anche attraverso l'utilizzo di metal detector.

Nel primo nascondiglio i militari hanno trovato una carabina Erma Werke calibro 22 e un fucile d'assalto Ak-47 (meglio conosciuto come Kalashnikov) di fabbricazione cinese, dotato di baionetta. Nel secondo un fucile da caccia Benelli calibro 12, rubato ad Alessano nel febbraio del 2015. Le armi, perfettamente conservate ed efficienti, erano state riposte in involucri di plastica e avvolte con del nastro isolante, per preservarle dalla polvere e dalle intemperie. Dopo ilAk-2 ritrovamento i tre fucili sono stati presi in consegna dagli uomini della scientifica, che dopo aver catalogato i reperti hanno provveduto a estrarre con cura le armi dai contenitori, su cui saranno eseguiti tutti rilievi utili a trovare eventuali impronte digitali o tracce biologiche. Le armi, invece, saranno sottoposte a esami balistici per stabilire se abbiano sparato di revcente e se siano state utilizzate in episodi criminosi.

Le indagini proseguono per accertare eventuali collegamenti con gli agguati avvenuti a Casarano tra ottobre e novembre del 2016: l'omicidio di Augustino Potenza e il tentato omicidio di Luigi Spennato (in entrambi i casi è stato utilizzato un Kalashnikov). In quest'ultimo caso i killer entrarono in azione non lontano dal luogo dove sono state rinvenute le armi.  

Il video del rinvenimento

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nascosti nelle campagne di Casarano un Kalashnikov e due fucili, si indaga

LeccePrima è in caricamento