Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Nel bosco a leccio al posto dei funghi spunta l'eternit

Gli agenti della forestale di Otranto hanno sequestrato questa mattina un grosso quantitativo di eternit in un bosco privato nelle campagne di Melendugno. Il proprietario nominato custode giudiazile

Le onduline in etermit sequestrate dagli agenti della Forestale

Da ora in avanti il proprietario della zona, un uomo di Caprarica, ma residente a Lecce, dovrà avere gli occhi bene aperti sul suo appezzamento di terreno: l'autorità giudiziaria lo ha nominato da questa mattina custode giudiziale della sua terra. In altre parole, sarà lui a rispondere alla legge in fatto di abusi ambientali qualora le forze dell'ordine dovessero scoprire che l'appezzamento di terreno in questione sarà utilizzato, anche a sua insaputa, come discarica abusiva a cielo aperto.


Questa mattina infatti gli agenti della Stazione forestale di Otranto, in località Masseria Don Egidio agro del Comune di Melendugno nei pressi della provinciale Melendugno - Borgagne, hanno proceduto al sequestro penale di un ingente quantitativo di rifiuti speciali e pericolosi che erano stati abbandonati in un terreno a bosco di leccio. Si tratta di uno scarico di onduline di etermit, del tipo contenente le pericolose fibre di amianto, in pessimo stato di conservazione, frammentate e con crepature sulla superficie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel bosco a leccio al posto dei funghi spunta l'eternit

LeccePrima è in caricamento