Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Taviano

Nel deposito per rubare computer e carburante, 19enne patteggia la pena

Un anno, pena sospesa, per un ragazzo di Taviano che dovrà anche risarcire la parte civile per i danni subiti

LECCE – Ha patteggiato una condanna a un anno di reclusione (pena sospesa) Luca Bianco, il 19enne di Taviano arrestato a fine ottobre per furto aggravato. Il 19enne, assistito dall’avvocato Biagio Palamà, dovrà risarcire la parte civile (la Franco srl), assistita dall’avvocato Silvio Verri, per i danni subiti.

La vicenda si riferisce al 23 ottobre scorso. Nella notte giunse una chiamata alla centrale operativa della compagnia carabinieri di Casarano. A lanciare l’allarme fu il sistema installato all’interno di un deposito di veicoli di una ditta edile di Taviano. Le pattuglie dei militari di Taviano, con i colleghi di Melissano, giunsero sul posto poco dopo, intercettando tre malfattori. Due di essi riuscirono a darsi alla fuga ma il terzo ladro, un 19enne del posto, fu bloccato e portato in caserma. Durante il sopralluogo i carabinieri accertarono che erano stati asportati, da un escavatore, circa 100 litri di carburante per un valore di alcune centinaia di euro. Furono sequestrate le tre taniche in plastica e un tubo in  gomma lungo 10 metri utilizzati dalla banda. Inoltre, era stato sottratto un computer e relativo monitor utilizzato per le misurazioni di scavo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel deposito per rubare computer e carburante, 19enne patteggia la pena

LeccePrima è in caricamento