Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca San Cesario di Lecce

Nel supermercato 45 chili di "botti", ma è tutto regolare. Disposto dissequestro

Il pubblico ministero ha accolto l'istanza di dissequestro presentata dal legale del proprietario del supermercato

LECCE – Il pubblico ministero Donatina Buffelli ha disposto, accogliendo l’istanza presentata dall’avvocato Rita Ciccarese, il dissequestro di ben 55mila fuochi d’artificio, per un peso complessivo di polvere da sparo che superava i 45 chilogrammi. Il sequestro era stato eseguito, lo scorso 20 dicembre, dai militari della Guardia di finanza di Lecce in un supermercato a San Cesario di Lecce, di proprietà di un uomo cinese B.L., con precedenti penali simili.

Secondo le fiamme gialle, “il materiale esplodente, di diversa qualità e manifattura, data l’elevata massa attiva, aveva un alto potere deflagrante tale da poter provocare, in caso di innesco accidentale, notevoli danni al fabbricato e alle abitazioni circostanti”.  

Durante la perquisizione il proprietario dei locali non è stato in grado di esibire alcuna documentazione che ne giustificasse l’acquisto e i militari hanno accertato che tutti i giochi pirotecnici rinvenuti violavano le norme sulla sicurezza e sulla pubblica incolumità. L’uomo è stato quindi denunciato alla Procura della Repubblica di Lecce per detenzione abusiva di prodotti esplodenti e per ricettazione.

L’avvocato Rita Ciccarese, legale dell’uomo di origini cinesi, ha dimostrato l’illegittimità del sequestro operato dai finanzieri. Secondo l’avvocato, infatti, i fuochi d’artificio sequestrati, benché certamente di ingente quantità, appartengono ad una categoria per la quale non è necessaria alcuna licenza per la vendita al pubblico.

Il pubblico ministero, dunque, accogliendo la tesi difensiva ha disposto il dissequestro del materiale pirotecnico, che è stato riconsegnato all’indagato e che può, pertanto, essere rimesso in commercio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel supermercato 45 chili di "botti", ma è tutto regolare. Disposto dissequestro

LeccePrima è in caricamento