Cronaca

Nell'alimentari 250 chili di gpl senza autorizzazioni

Parabita: denunciato a piede libero dai militari della guardia di finanza il titolare del negozio. Nel locale sono state trovate 20 bombole, oltre i limiti previsti, senza le prescritte autorizzazioni

Nel negozio di alimentari, oltre a salumi, formaggi e quant'altro, aveva accatastate venti bombole di gas Gpl da rivendere, per un totale di 240 chilogrammi, ma senza le autorizzazioni necessarie per un carico così ingente. Inutile dire che automaticamente s'era generata una situazione di potenziale pericolo. Il fatto è stato rilevato a Parabita, dove i militari della guardia di finanza della compagnia di Gallipoli hanno compiuto un'ispezione nel locale, nell'ambito delle verifiche nel settore degli oli minerali. Il titolare dell'attività ha ricevuto una denuncia a piede libero all'autorità giudiziaria, mentre l'intero carico è stato posto sotto sequestro.

Le bombole contenenti Gpl sono da trattare sempre con una certa cautela e quindi la loro detenzione è sottoposta ad una rigorosa normativa. Si tratta infatti di un gas più pesante dell'aria, per cui i pericoli sono sempre nascosti: in caso di fuoriuscita, anche in locali areati, si corre sempre il rischio che vada a convogliarsi nelle zone più basse senza disperdersi del tutto, provocando esplosioni in presenza di fiamme libere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nell'alimentari 250 chili di gpl senza autorizzazioni

LeccePrima è in caricamento