Cronaca Lequile

Nella notte si schiantano in 5 con l'auto: muore 19enne

Schianto nella notte sulla Lecce-San Pietro in Lama. A perdere la vita il giovane alla guida del mezzo, Cristiano Liaci, 19 anni, di Lequile. Rimasti invece feriti non gravi gli altri quattro ragazzi

Si era appena diplomato e aveva un grande desiderio: proseguire gli studi all'Università. Sogni svaniti in un flash istantaneo e fulminante: Cristiano Liaci, 19 anni di Lequile, ritornava a casa dopo aver trascorso una serata con gli amici del cuore a Lecce, in giro per la città, in una calda serata di inizio agosto, dove tutto si fa più magico e la notte sembra non avere mai fine. E mai avrebbe immaginato che al rientro, sulla via di casa, il destino gli avrebbe riservato sangue e tragedia. L'auto, una fiat Uno, intorno all'1:30, si è schiantata contro un muretto a secco che costeggia il tratto di strada terminale della Lecce-San Pietro in Lama.

Cristiano Liaci, al momento dell'impatto, si trovava alla guida dell'utilitaria. Trasportato all'ospedale "Vito Fazzi" intorno all'1:45 in condizioni gravissime, è spirato dopo circa mezz'ora nel pronto soccorso. Liaci viveva in via gramsci al civico 47. Appena il 20 maggio dello scorso anno, era deceduto il padre Mario per un ictus improvviso. Piangono la giovane vittima la madre Anna Perrone, di 44 anni e il fratello Mauro, di soli 12. Gli altri quattro giovani sono rimasti feriti in modo non grave. Si tratta di un 16enne, romano, giunto nel Salento con la famiglia per trascorrere un periodo di vacanze. Il ragazzino si trova ora ricoverato presso l'ospedale di Copertino. Lui ne avrà per 40 giorni per una frattura alla clavicola, mentre secondo i medici l'altro giovane rimasto ferito, Simone Greco, 20 anni, anche lui di Lequile, potrà essere rimesso tra una decina di giorni. Carmen Rizzo, 19enne, nato nella Capitale ma residente a Lequile ne avrà invece per 30 giorni. Il quinto ragazzo della gruppo, Carlo Scarlino, 19 anni, di San Cesario, ricoverato presso il nosocomio di Galatina è stato dimesso dopo essere stato medicato. Guarirà in otto giorni.

Nell'incidente non sono rimasti coinvolti altri mezzi. Sul luogo della tragedia, oltre alle ambulanze del 118 partite dall'ospedale di Copertino e dal nosocomio leccese, sono intervenuti i carabinieri della Compagnia del capoluogo salentino, i quali hanno provveduto ad effettuare i rilievi di rito. La dinamica, d'altronde, lascia pochi dubbi. Il gruppo di ragazzi stava percorrendo la provinciale in direzione di San Pietro in Lama, dove ad un certo punto della strada si trova lo svincolo per Lequile. La carreggiata è abbastanza larga ma annovera un certo numero di curve insidiose, che gli automobilisti si trovano a dover affrontare in discesa se la direzione di percorrenza è verso i paesi dell'hinterland leccese.


Ed è proprio nei pressi dell'ultima curva prima del rettilineo che si è verificata la tragedia. La giovane vittima che si trovava alla guida della Fiat Uno (Cristiano Liaci aveva ottenuto la patente appena lo scorso maggio) dopo aver affrontato la curva ha perso il controllo dell'auto andandosi a schiantare contro il muretto a secco che costeggia il lato destro della carreggiata. Violentissimo l'impatto e per lui non c'è stato nulla da fare. L'ex-sindaco di Lequile Fabio Lettere ha dichiarato la propria amarezza per una tragedia immane e che colpisce una famiglia già segnata da un grave lutto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nella notte si schiantano in 5 con l'auto: muore 19enne

LeccePrima è in caricamento