Nessun caso di abusivismo edilizio e abuso d'ufficio, sei le assoluzioni

La vicenda a Calimera. La decisione del gup è giunta la termine dell'udienza preliminare e di nuove acquisizioni disposte nell'ottobre scorso

LECCE – Nessun illecito e nessun caso di abusivismo edilizio a Calimera. Il gup Stefano Sernia ha disposto, al termine dell’udienza preliminare, il non luogo a procedere per le sei persone coinvolte nell’inchiesta condotta dal pubblico ministero Emilio Arnesano. Solo per due dei capi d’imputazione il giudice ha stabilito la prescrizione. 

A ottobre scorso il gup aveva disposto l’invio degli atti alla Procura per alcune integrazioni probatorie. Una decisone adottata sulla base della corposa, circostanziata e precisa memoria difensiva depositata dagli avvocati Silvio Verri e Francesco Baldassarre e alcune consulenze depositate dal collegio difensivo. I legali hanno evidenziato, attraverso documenti e riscontri probatori, l’assoluta legittimità dell’operato dell’ufficio tecnico. In particolare, sulla linea di condotta adottata nel caso di specie, la stessa di altri casi analoghi, culminata con la gratuità del permesso a costruire.

In sede di udienza preliminare è stata dunque dimostrata l’assoluta correttezza dell’operato di Giovanna Cucurachi, 55enne leccese; Marta Fuso, 37enne di Copertino; Pantaleo Fazzi, 49 anni di Calimera; Antonio Surano, 62enne di Montesano; Luigi Marra, 62enne di Calimera e Alberto Borredon, 62enne di Gallipoli, segretario generale del Comune di Calimera. Nel collegio difensivo gli avvocati Silvio Verri, Cosimo D’Agostino, Antonio Scalcione, Francesco Baldassarre, Luciano Ancora e Giovanni Caprioli.

Erano diversi gli episodi contestati dall’accusa. A Cucurachi e Fuso, in qualità rispettivamente di committente e legale rappresentante di una società la prima, e tecnico progettista incaricato la seconda, di avere realizzato una costruzione abusiva di oltre 100 metri quadri a Calimera. Sempre a Cucurachi, come committente titolare di un’altra azienda, a Fazzi come tecnico progettista e direttore dei lavori, e a Surano come dirigente dell’ufficio tecnico di Calimera (all’epoca dei fatti), è contestato un altro episodio di presunto abusivismo edilizio e abuso d’ufficio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un terzo presunto episodio di abuso d’ufficio e abusivismo edilizio era contestato a Cucurachi, come committente titolare di un’altra azienda, a Fazzi come tecnico progettista e direttore dei lavori, e a Marra come responsabile del Servizio patrimonio e protezione civile del Comune di Calimera (come firmatario del permesso per costruire) per aver realizzato un capannone. L’ultimo episodio di abuso d’ufficio e abusivismo edilizio riguardava Cucurachi, come committente titolare di un’azienda, Fazzi come tecnico progettista e direttore dei lavori, Marra e Borredon (quali firmatari di dei permessi per costruire). Al centro della contestazione la realizzazione di uno stabile abusivo, trasformato da deposito a civile abitazione (e viceversa). I fatti contestati riguardavano il periodo tra il maggio 2012 e il luglio 2015. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento