Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Nessun illecito e nessun abuso nella concessione della sanatoria, assolti

Al centro della vicenda alcune costruzione sottoposte a sequestro, per cui era stata chiesta e ottenuta una sanatoria

LECCE – Erano finiti dinanzi al gup per una sanatoria che, secondo la Procura del capoluogo salentino, non poteva essere concessa. Al centro della vicenda alcune costruzione sottoposte a sequestro, per cui era intervenuta appunto la sanatoria. Dopo le indagini erano stati rinviati a giudizio Anna Ramundo, 59enne di Galatone come proprietaria e committente dei lavori; Giuseppe Bondi, 55enne di Galatone direttore dei lavori; e Luca Migliaccio, 42enne in servizio presso l’ufficio tecnico del Comune di Galatone. Il reato ipotizzato nei loro confronti era di abuso d’ufficio e favoreggiamento.

I legali dei tre, gli avvocati Luigi Covella, Francesco Vergine e Vincenzo Albertone, hanno dimostrato in sede di giudizio con rito abbreviato l’assoluta estraneità dei loro assistiti ai fatti contestati, dimostrando attraverso riscontri e prove documentali, la correttezza sotto il profilo giuridico e normativo del loro operato.

Il gup Alcide Maritati ha assolto con formula piena gli imputati, con la formula del fatto non sussiste. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nessun illecito e nessun abuso nella concessione della sanatoria, assolti

LeccePrima è in caricamento