Cronaca

Nessun illecito nella gestione dei parcheggi, assolti ex sindaco e vicesindaco

Assoluzione con formula piena, perché il fatto non sussiste, nel processo d’appello all'ex primo cittadino di Taviano e altri due

LECCE – Assoluzione con formula piena, perché il fatto non sussiste, nel processo d’appello all’ex sindaco di Taviano Salvatore D’Argento, dell’ex vicesindaco Giovanni Piccinno e al dirigente del settore Servizi finanziari Francesco Trianni, accusati di abuso d’ufficio nell’ambito di un’inchiesta sui presunti illeciti legati alla concessione di un parcheggio dell’area cimiteriale. I giudici della Corte d'appello di Lecce (presieduta da Vincenzo Scardia), hanno accolto le richieste del sostituto procuratore generale Giampiero Nascimbeni, e le tesi del collegio difensivo, formato dagli avvocati Massimo Fasano e Biagio Palamà. Ribaltata dunque la sentenza di primo grado, in cui in abbreviato gli imputati erano stati condannati a nove mesi (pena sospesa).

Secondo quanto ipotizzato dagli inquirenti, la ditta aggiudicatrice era stata favorita. In appello, invece, è stata riconosciuta la legittimità di quanto deliberato della giunta comunale di Taviano nel settembre del lontano 2009, in un’assegnazione avvenuta per mero “interesse pubblico e non per favorire la ditta Reho Nadia.

 “Ho sempre riposto grande fiducia nell'operato della magistratura - ha dichiarato l'ex primo cittadino D'Argento – nella consapevolezza di aver sempre operato con correttezza, trasparenza e legalità, durante il mio mandato da sindaco, per cui questa vicenda non poteva che concludersi con la mia (e degli altri soggetti coinvolti) completa assoluzione perché il fatto non sussiste”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nessun illecito nella gestione dei parcheggi, assolti ex sindaco e vicesindaco

LeccePrima è in caricamento