rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca Parabita

“Nessun legame con la mafia”: assolto l’ex vicesindaco di Parabita

Non ha retto l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa mossa a Giuseppe Provenzano nel processo nato dall’operazione Coltura eseguita dai carabinieri sei anni fa

PARABITA - E’ finita con un’assoluzione la vicenda che vedeva l’ex vicesindaco di Parabita, Giuseppe Provenzano, al banco degli imputati per concorso esterno in associazione mafiosa.

Dopo sei anni dal blitz, eseguito nell’ambito dell’inchiesta ribattezzata “Coltura”, come la Madonna di Parabita - condotta dai carabinieri del Ros di Lecce e del comando provinciale nei confronti di un sodalizio mafioso nato dalle ceneri del clan Giannelli, storico gruppo della Scu salentina - si è concluso oggi il processo di primo grado nei riguardi dell’ex primo cittadino che si è sempre proclamato innocente.

Non sono ancora note le motivazioni della sentenza, ma per il collegio giudicante della seconda sezione penale del Tribunale di Lecce, presieduto da Fabrizio Malagnino (a latere a latere Edoardo D’Ambrosio e Annalisa De Benedictis) l’imputato “non ha commesso il fatto”.

Secondo le indagini, Provenzano avrebbe dato significativi contributi (soprattutto economici) al sodalizio e assicurato il proprio interessamento al fine di garantirsi il supporto del clan nelle elezioni amministrative del maggio 2015. Per questo, nel processo, la pubblica accusa, rappresentata dal procuratore della Direzione distrettuale antimafia Guglielmo Cataldi, aveva invocato nei suoi riguardi cinque anni di reclusione. L’avvocato difensore Luigi Corvaglia in una lunga arringa ha cercato di smontare le accuse, sostenendo che non ci fosse alcuna prova di un “legame” di Provenzano con la malavita.

Al banco degli imputati, c’era anche Federico Fracasso, 35 anni, di Parabita, al quale era contestato il reato di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Anche per lui (difeso dall’avvocato Arcangelo Corvaglia) il verdetto è stato di assoluzione, in linea alla richiesta avanzata dalla stessa Procura.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Nessun legame con la mafia”: assolto l’ex vicesindaco di Parabita

LeccePrima è in caricamento