Scoppia incendio all'alba, distrutte due auto e danni alle abitazioni

A Neviano le fiamme sono partite in via Celinelle da una vecchia Fiat Panda di una casalinga e ha attecchito su una 600 posteggiata davanti. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri del Norm di Gallipoli

Foto per gentile concessione di Oscar Martina.

NEVIANO – L’incendio è stato devastante. I vigili del fuoco sono arrivati sul posto quando mancavano pochi minuti alle 5 del mattino e sono rimasti fin dopo le 7. Ad andare completamente distrutte, nel pieno centro abitato di Neviano, in via Celinelle, sono state due autovetture. Erano entrambe parcheggiate nei pressi di un immobile disabitato, praticamente allo stato rustico, e questo ha impedito che le fiamme provocassero danni collaterali anche peggiori.

All’origine vi potrebbe essere un problema di natura elettrica. I vigili del fuoco non hanno trovato alcun elemento che faccia sospettare la natura dolosa dell’incendio. Le fiamme sono partite da una vecchia Fiat Panda di proprietà di una casalinga e hanno interessato la Fiat 600 parcheggiata davanti, distruggendo quasi del tutto anche quest’ultima.

La facciata dell’immobile disabitato è rimasta annerita fino all’altezza del terrazzino. I danni hanno riguardato anche l’angolo di un altro immobile, questo abitato. Una porzione di parete a sua volta annerita e una serranda bruciata. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Norm di Gallipoli per le indagini.

IMG-20170711-WA0000_1499754436110-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento