rotate-mobile
La parola ora al Ministero / Neviano

Infiltrazioni mafiose, chiesto scioglimento del Comune di Neviano

La commissione prefettizia, insediatasi lo scorso 21 febbraio, dopo tre mesi di analisi sugli atti amministrativi ha depositato la relazione conclusiva con la propria proposta

NEVIANO - Il Comune di Neviano verso lo scioglimento per infiltrazioni mafiose e per il pericolo di condizionamento dell’operato amministrativo: è questa la conclusione a cui è approdata la commissione prefettizia, insediatasi lo scorso 21 febbraio nel centro salentino, all’indomani del blitz di due settimane prima, che aveva portato all’arresto dell’avvocato 61enne, assessore comunale della giunta Mastria e già sindaco, Antonio Megha, con l’ipotesi di uno scambio elettorale con aggravante dell’agevolazione mafiosa con il boss di Noha, Michele Coluccia, e uno dei suoi uomini di fiducia, Nicola Giangreco.

La commissione era stata nominata dal prefetto Maria Rosa Trio, a due settimane dall’operazione dell’Antimafia di Lecce e dei carabinieri del Nucleo investigativo, proprio per far luce sui possibili intrecci tra criminalità e politica locale, su eventuali illeciti o influenze esterne da parte del clan Coluccia, attraverso l’accesso agli atti amministrativi e lo studio degli stessi.

Dell’organismo, che ha lavorato sui documenti per tre mesi in un clima da subito infuocato (come confermato dall’episodio della bottiglia incendiaria contro la caserma dei carabinieri) fanno parte la viceprefetta Guendalina Federico, la capitana dei carabinieri Beatrice Camassa, il funzionario economico finanziario della Prefettura, Vincenzo Calignano, che si sono avvalsi dell’assistenza del primo dirigente della polizia di Stato, Marta De Bellis, del vicequestore della Dia, Veronica Bevilacqua, e del tenente della guardia di finanza, Francesco Saponaro. 

Le conclusioni, a cui sono arrivati i membri della commissione, dunque, convergono sull’esistenza di un pericolo di condizionamento dell’amministrazione comunale da parte delle organizzazioni criminali del territorio: il prefetto di Lecce l’ha acquisita e la trasmetterà al ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, che dovrà decidere se procedere allo scioglimento del Comune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infiltrazioni mafiose, chiesto scioglimento del Comune di Neviano

LeccePrima è in caricamento