rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca Melissano

Non accetta la fine della relazione e perseguita la famiglia della ex, arrestato

In un secondo caso un un 29 enne è finito in carcere per maltrattamenti in famiglia, dopo aver percosso la compagna

LECCE  - Doppia operazione da parte dei carabinieri di Melissano in materia di reati contro la violenza di genere. Nel primo caso i militari hanno eseguito un’ordinanza di aggravamento di misura cautelare emessa dal gip. del Tribunale di Lecce nei confronti di S.B., 26enne. Il reo, al termine della relazione sentimentale con una 16enne,l'avrebbe più volta minacciata, creando nella stessa uno stato di ansia e paura tale da costringerla ad alterare le proprie abitudini di vita. In alcune occasioni lo stalker avrebbe esteso le molestie al nucleo familiare della ex fidanzata, composto dalla madre e dal compagno convivente. Il 18 giugno l'indagato avrebbe preso di mira la coppia, prima seguendola per tutta la serata e poi afferrando per il collo l’uomo, procurandogli dell lesioni con un casco da motociclista.

Dalla prima dettagliata denuncia è emersoun quadro inquietante che ha portato all’emissione il 19 luglio di un divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle vittime”.Subito dopo la notifica del provvedimento il 26enne avrebbe seguito sino ad una spiaggia di Gallipoli le sue vittime, facendosi notare in atteggiamenti minacciosi e invadenti. Il 22 luglio inoltre, lo stalker avrebbe proseguito le sue azioni dimostrative transitando innumerevoli volte con l’auto sotto casa della ex fidanzata. I carabinieri hanno quindi comunicato all’autorità giudiziaria le diverse violazioni alle prescrizioni imposte e nella giornata di ieri è stato emesso un nuovo provvedimento. Il 26enne è stato quindi arrestato e a seguito delle operazioni di rito, condotto presso la propria abitazione agli arresti domiciliari.

Nel secondo caso è stata una chiamata a fare entrazione in azione i carabinieri. A chiedere aiuto è stata una donna chepicchiata dal proprio convivente. Immediatamente una pattuglia si è diretta presso l’abitazione della donna, trovata in lacrime in compagnia dei figli minori. L’uomo, ancora sul posto, è stato condotto in caserma. Il personale sanitario ha visitato la malcapitata, che ha riportato “un trauma cranico ed ecchimosi multiple al dorso e alle gambe”, con una prognosi di 15 giorni. Il magistrato di truno, Donatina Buffelli, ha disposto l’arresto in flagranza di W.G.F., 29enne, per il reato di maltrattamenti in famiglia . L'uomo è stato condotto presso la casa circondariale di Lecce. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non accetta la fine della relazione e perseguita la famiglia della ex, arrestato

LeccePrima è in caricamento