Cronaca

Non ci fu alcun caso di usura, assolto con formula piena un imprenditore

Si è conclusa con un'assoluzione piena la vicenda giudiziaria che vedeva come imputato Vincenzo Trisolino, imprenditore immobiliare

LECCE – Si è conclusa con un’assoluzione piena la vicenda giudiziaria che vedeva come imputato Vincenzo Trisolino, imprenditore immobiliare di 76 anni, per una vicenda di presunti prestiti a usura. Secondo l’ipotesi accusatoria, la Procura aveva chiesto una condanna a tre anni, vi sarevvero stati prestiti con tassi usurari.

Nell’aprile del 2014, nell’ambito di un’inchiesta condotta dal pubblico ministero Giuseppe Capoccia, fu sequestrato un patrimonio di circa 10 milioni di euro riconducibile a Trisolino, ma tutti i beni furono dissequestrati un mese dopo con un provvedimento del Tribunale del Riesame. I legali di Trisolino, gli avvocati Luigi Covella e Francesco Zompì, dimostrarono come non vi sarebbe stata alcuna sproporzione tra il patrimonio suo, della moglie, dei figli e quanto da loro dichiarato. I legali dell’imputato hanno dimostrato anche l’infondatezza delle accuse nei confronti del loro assistito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non ci fu alcun caso di usura, assolto con formula piena un imprenditore

LeccePrima è in caricamento