Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

"Non è grave". Trasferito, morì: ora parte l'inchiesta

Aperto un fascicolo sulla morte di Lucio Dell'Anna, 51enne leccese. Dopo un incidente a Cerignola, dal foggiano venne trasferito a Lecce, dove furono riscontrate fratture gravi prima non evidenziate

E' stato aperto un fascicolo sulla morte di Lucio Dell'Anna, 51enne leccese deceduto in circostanze ancora tutte da chiarire al "Vito Fazzi", dopo un grave incidente stradale avvenuto nel territorio di Cerignola. Il sostituto procuratore Paolo Guglielmi vuole vederci chiaro e ha disposto l'autopsia sul corpo di Dell'Anna prevista nei prossimi giorni e affidata al medico legale Alberto Tortorella. Il sinistro risale al 27 giugno scorso. L'uomo rientrava nel capoluogo leccese. Viaggiava a bordo della sua Seat Ibiza condotta ad un amico residente a Lecce. All'improvviso il mezzo avrebbe tamponato un camion e per il violento impatto, rimase ferito solo Dell'Anna.


Trasferito all'ospedale di Cerignola, le sue condizioni non sembrarono particolarmente gravi. Dopo qualche giorno, con una firma, venne trasferito a Lecce. Al "Vito Fazzi", la situazione si sarebbe aggravata perché venne accertata la frattura di alcune costole. Lesioni, di cui, non sarebbe stao messo al orrente. Ora la Procura di Lecce ha avviato le indagini. Con l'accusa di omicidio colposo sono stati iscritti diversi medici del presidio ospedaliero di Cerignola. Gli atti dell'inchiesta, per competenza territoriale, verranno trasferiti alla Procura di Foggia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non è grave". Trasferito, morì: ora parte l'inchiesta

LeccePrima è in caricamento