menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Notaio fantasma, truffa ad anziana. Falso assicuratore spilla oltre 6mila euro

Una 76enne di Corigliano è rimasta vittima di un raggiro orchestrato da un truffatore ricercato dai carabinieri. Si è fatto consegnare un anticipo per il pagamento delle pratiche per un falso premio assicurativo intestato al figlio

CORIGLIANO D’OTRANTO - Una brutta disavventura per un’anziana vedova di 76 anni di Corigliano d’Otranto che si è vista raggirare da un fantomatico assicuratore che alla fine è riuscito, con stratagemmi vari, a convincere la malcapitata a consegnarli la somma di 6.100 euro. Una truffa in piena regola sulla quale hanno avviato le indagini, ancora in corso, i carabinieri della stazione di Corigliano dove la pensionata si è recata per presentare la denuncia del raggiro sùbito.

Ai  militari la donna ha raccontato di essere stata contatta, sul numero del telefono di casa, da quello che in seguito si è rivelato un sedicente assicuratore che le ha comunicato, falsamente, che il figlio avrebbe dovuto riscuotere un premio assicurativo di 45mila euro presso lo studio di un notaio del comune grico.

L’anonimo interlocutore, con vari artifizi e furberie, è quindi riuscito a richiedere per via telefonica   e a convincere l’anziana donna a consegnare qualche ora dopo una somma di anticipo che sarebbe servita per il disbrigo delle pratiche burocratiche e notarili. Il truffatore ha spiegato quindi che da li a poco presso l’abitazione della donna sarebbe passato un collaboratore per ritirare quanto richiesto. E così è stato. Da lì uno sconosciuto, che si è presentato come il collaboratore del presunto assicuratore al quale la malcapitata consegnava la somma di 6.100 euro in contanti ricevendo in cambio l’indirizzo presso il quale si sarebbe dovuta recare per riscuotere il premio assicurativo del figlio.

Naturalmente una volta giunta nel luogo segnalato la 76enne si è subito accorta che nessuno studio notarile era presente nella zona, ne vi era corrispondenza con il nominativo reso dal presunto assicuratore e dal suo emissario. Solo in quel momento la donna ha realizzato di essere stata raggirata e a quel punto ha formalizzato la denuncia presso la stazione dei carabinieri.          

         

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Auto e moto

    Cambio gomme invernali: date e normativa per il 2021

  • Cura della persona

    Manicure semipermanente fai da te senza l’uso della lampada

  • Cucina

    Cavolo verza stufato da preparare in primavera

  • Cucina

    Trippa alla pugliese, oggi pranziamo così

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento