Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca Litorale / Via del Tiglio

Notte di furti, ladro sul tetto a Torre Chianca: preso. Saccheggiata area servizi Q8

Antonio Capirola solo un mese addietro era stato bloccato dopo un furto di gasolio di uno scuolabus. Preso questa volta a rubare in tabacchi e salumeria. A Trepuzzi, invece, tre ladri rubano merce dall'area Q8 sulla Lecce-Brindisi

 

LECCE – Solo un mese addietro, il commissariato di Nardò gli aveva stretto le manette ai polsi, per aver tentato di rubare il gasolio da uno scuolabus parcheggiato nel cortile del “I° circolo”. Ma il lupo, si sa, perde il pelo, non certo il vizio. E così, Antonio Capirola, 52enne, leccese, appena riacquistata la libertà, s’è subito messo all’opera. Scegliendo un altro posto della provincia, la marina leccese di Torre Chianca. E, nello specifico, la tabaccheria e la salumeria all’interno del lido Circeo, in via del Tiglio. Ma anche questa volta, i suoi propositi sono andati in fumo, e la polizia – stavolta gli agenti delle volanti di Lecce – l’ha ammanettato. Capirola risponde di furto aggravato continuato.        

L’uomo, a quanto pare, non avrebbe agito da solo, ma, su questo fronte, le indagini sono in corso. Certo è che non è stato particolarmente accorto. L’allarme è scattato due volte e in entrambi i casi, è arrivata sul posto una pattuglia della Velialpol. Sondando il perimetro, le guardie giurate non hanno però scorto nulla di particolare. Capirola, infatti, stava appollaiato sul tetto. Solo al terzo tentativo è riuscito a tagliare il ponte radio collegato con l’istituto di vigilanza. E ad entrare nel locale commerciale.

La fortuna, però, non è mai stata veramente dalla sua parte. Per fortuna. Un residente nella marina, infatti, in quegli stessi istanti (era circa mezzanotte e mezzo) ha chiamato il 113, avvisando la centrale operativa che pochi attimi prima, sul tetto di pertinenza della rivendita di tabacchi e della salumeria attigua, vi era un giovane, alto e di corporatura robusta, intento a passare alcune cose (non meglio specificate) ad una seconda persona che si trovava in strada, nei pressi di una vettura Alfa Romeo 156 di colore grigio.

Gli agenti sono volati sul posto e si sono immediatamente portati sul retro delle attività commerciali, trovando l’auto indicata, con la chiave d’accensione inserita nel nottolino, che, da successivi accertamenti, è risultata intestata a M.C., 32enne, di Nardò.

Certo è che, avvicinandosi alla vettura, parcheggiata al lato della via, a ridosso di un canneto, i poliziotti hanno sentito dall’interno del campo un rumore di canne spezzate. Per questo, insieme a un altro equipaggio, giunto in aiuto, si sono sistemati lungo il perimetro del canneto, delimitato sul lato interno dai muri di cinta da abitazioni private, precludendo ogni via di fuga ai possibili ladri. Ormai, infatti, pur non avendo scorto ancora nessuno, era chiaro che stava avvenendo qualcosa di losco.

La perlustrazione della zona, alla fine, ha permesso di scovare Capirola, vecchia conoscenza delle forze di polizia. Del complice, però, nessuna traccia. Secondo le ricostruzioni, il 52enne e il suo complice avevano pocanzi saccheggiato la tabaccheria e la vicina salumeria. Infatti, dopo la perquisizione personale a carico dell’uomo e della vettura, sono spuntati fuori 27 euro in monete di vario conio, ovvero il fondo-cassa della salumeria. Nell’auto, poi, due martelli, uno scalpello, una grossa quantità di alimenti, tra i quali salumi e formaggi pregiati, confezioni di pasta fresca, biscotti e altri viveri. Valore commerciale: poco più di mille euro.

88349 CAPIROLA ANTONIO-2-2-2Nel vano portaoggetti i poliziotti hanno trovato alcuni documenti intestati al proprietario dell’auto e un mazzo di chiavi. Capirola non potuto fare altro che confermare essere della propria abitazione. Chiamati sul posto i proprietari, è stato anche ricostruito il modus operandi: i due malfattori si sono mossi attraverso i tetti delle abitazioni vicine, manomettendo la centralina e zittendo così la sirena.

All’interno della salumeria, i due hanno anche arrecato danni alle strutture e alle confezioni di alimenti, rompendo un pannello di legno messo a protezione di una vecchia porta ormai murata, rovesciando a terra e danneggiando lattine di coca-cola e di birra. Hanno anche ammucchiato, in una cesta di plastica, pronta per essere portata via, altri alimenti tra i quali pasta, biscotti vari e confezioni di omogeneizzati per bimbi, per altri 100 euro circa di valore.

Non paghi, hanno poi messo a segno il secondo furto, nella rivendita di tabacchi, dove gli agenti hanno trovato numerosi pacchetti di tabacchi lavorati, presumibilmente prelevati e gettati al complice che ne aveva stipati 267 in un borsone nero. Valore: oltre mille e 200 euro. Sentito il magistrato di turno, Capirola è stato dichiarato in arresto, mentre M.C. è stato denunciato in stato d’irreperibilità. Tutto il materiale ritrovato è stato riconsegnato ai proprietari. La vettura, invece, affidata in custodia giudiziale, mentre le chiavi dell’abitazione di Capirola, un gilet di sua proprietà, il borsone di tela di colore nero, i due martelli e lo scalpello trovati nella vettura sono stati sottoposti a sequestro.

Non è stato, però, quello di Torre Chianca, l’unico furto avvenuto nella notte. Un altro, perfettamente riuscito, è avvenuto ai danni del bar del distributore Q8 sulla strada statale 613 Brindisi-Lecce, ad altezza di Trepuzzi. Ad agire, secondo quanto immortalato dalle videocamere, di sorveglianza, tre uomini con i volti coperti per rendere i lineamenti irriconoscibili, i quali si sono introdotti all’interno, forzando una porta laterale e rubando sigarette, gratta e vinci e contanti. Il danno, a quanto pare piuttosto sostenuto, è in corso di quantificazione.

I primi a raggiungere il posto, dopo che l’allarme è scattato, sono stati i vigilanti della DeIaco Security. Ma al loro arrivo, la banda – che sicuramente aveva un mezzo posteggiato nelle vicinanze – era fuggita. Per le indagini, procedono i carabinieri della stazione di Trepuzzi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Notte di furti, ladro sul tetto a Torre Chianca: preso. Saccheggiata area servizi Q8

LeccePrima è in caricamento