Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Notte di vandali: danni a 10 bus Stp e aule scolastiche

Episodi di vandalismo durante la scorsa notte. Danni al "Fermi" di Lecce, in via Merine e al "Deledda". Poi, presso il deposito della Stp di Veglie, dove sono stati distrutti 10 autobus

Tre episodi di vandalismo, tutti sul filo del fenomeno che in questi giorni sta prendendo piede a Lecce e nel suo hinterland. Due fatti accaduti la scorsa notte ai danni di altrettante scuole: l'Istituto tecnico industriale "Fermi" di via Merine e il "Deledda" di piazza Palio; l'altro presso il deposito della Stp di Veglie, dove i vandali hanno completamente distrutto dieci autobus che fanno linea verso Arnesano, Leverano e Lecce.

Partiamo dal primo episodio, dal "Fermi" di via Merine. Quando questa mattina il personale addetto all'apertura dell'istituto è entrato nel plesso scolastico, ha trovato aule e corridoi messi a soqquadro. Ignoti hanno scaraventato banchi, sedie e suppellettili dappertutto, rendendo così una parte della scuola impraticabile. Una volta dentro gli intrusi hanno imprattato le aule scaricando il liguido schiumoso contenuto negli estintori. Fortunatamente nessun furto di materiale didattico ma solo caos. Tant'è che questa mattina la maggior parte degli studenti ha approfittato dell'inagibilità della scuola per non presentarsi alle lezioni. Sul luogo, dopo la segnalazione alle forze dell'ordine da parte del direttore del "Fermi", è giunta la Digos e la polizia scientifica, che ha avviato le indagini per risalire agli autori del gesto. Il gruppo si sarebbe guadagnato facilmente l'ingresso all'interno della scuola attraverso le finestre, che a detta dagli stessi professori sono facilmente apribili dall'esterno. Il plesso scolastico di via Merine, definto dal personale didattico un "colabrodo", sarebbe infatti privo di qualsiasi sistema di sorveglianza, dalle videocamere a circuito chiuso al piantonamento degli agenti degli istituti di sorveglianza. Sistemi questi troppo costosi per la scuola pubblica.
Atti vandalici anche all'Istituto per le attività sociali "G. Deledda", in piazza Palio. In questa circostanza i vandali i sono limitati ad una sassaiola contro quattro, cinque finestre, lasciando il segno del gesto, le classiche "stelle" sui cristalli, che hanno comunque retto ai colpi.


Più grave in termini di danni arrecati, è l'episodio verificatosi sempre la scorsa notte a Veglie, presso il deposito della Società di trasporti pubblici, l'azienda che in questi giorni si trova a dover fronteggiare il malcontento nei confronti del nuovo piano di trasporti che non soddisfa il personale della società (circa 160 tra autisti e impiegati) e soprattutto l'utenza scolastica. Dieci gli autobus distrutti dai vandali che si trovavano parcheggiati nel deposito alle porte di Veglie, mezzi che questa mattina avrebbero dovuto iniziare le corse giornaliere sulla tratta verso Leveranno, Arnesano e Lecce. Ignoti hanno ridotto in frantumi finestrini, spaccato gli specchietti retrovisori, distrutto sedili. I danni ammonterebbero a diverse migliaia di euro. Le indagini sono condotte dai carabinieri della stazione di Veglie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Notte di vandali: danni a 10 bus Stp e aule scolastiche

LeccePrima è in caricamento