rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Cronaca

A fuoco vagone abbandonato, quasi certo l’atto doloso

È successo nella stazione ferroviaria di Novoli. Il rogo spento dai vigili del fuoco del distaccamento di Veglie. Sul posto per le indagini i carabinieri. Forse un atto di vandalismo

NOVOLI – C’è voluto l’arrivo di una squadra di vigili del fuoco del distaccamento di Veglie per evitare che un incendio divampato all’interno di una carrozza ferroviaria si propagasse al punto tale da interessare le altre e far sì che si formasse il classico effetto domino. E, sebbene manchino gli elementi decisivi per classificare il rogo come doloso, ci sono pochi dubbi sul fatto che dietro possa esservi stata la mano di qualcuno.

La carrozza in questione, come tutte le altre, è in disuso da tempo. Vecchi vagoni destinati allo smaltimento. Insomma, davvero difficile pensare a un problema di natura elettrica. Semplicemente, qualcuno potrebbe essersi “divertito” a innescare le fiamme.

3a5783d6-894f-48fb-937d-19b51047981f-2

Il problema è sorto nel pomeriggio, intorno alle 16, su un binario morto della stazione ferroviaria di Novoli. A un certo punto, è stato visto levarsi del fumo da un vagone merci di un vecchio convoglio delle Ferrovie Sud-Est ed è stato richiesto l’intervento dei vigili del fuoco.

103bd036-9baa-4131-8219-3558bb98f2fe-2

Dal distaccamento vegliese sono piombati in pochi minuti sul posto, scongiurando ulteriori conseguenze. Ben evidenti i danni dovuti all’incendio, all’interno di un vagone dove non mancano nemmeno scritte con bombolette spray sulle pareti realizzate nel tempo. Insomma, un luogo in cui gli atti di vandalismo devono essere relativamente frequenti. E forse è proprio attribuibile a uno di questi l’episodio odierno, con il rischio, però, di provocare danni di una certa entità.

Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della stazione di Novoli. Purtroppo l’area colpita non è coperta da un sistema di videosorveglianza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A fuoco vagone abbandonato, quasi certo l’atto doloso

LeccePrima è in caricamento