Cronaca

Nuova gestione di igiene urbana: pretende l’assunzione, il giudice la nega

La Igeco costruzioni, aggiudicataria dell'appalto, ha dovuto fare i conti col ricorso di un ex dipendente della vecchia società che chiedeva di essere assunto per i suoi trascorsi da autista: ma il tribunale gli dà torto

CASARANO – La gestione dei servizi di igiene urbana che cambia e passa da una società ad un’altra e gli ex dipendenti che contestano gli elenchi dei lavoratori aventi diritto di essere assunti dalla società aggiudicataria dell’appalto. Si riassume così il nodo del contendere di quanto accaduto alla Igeco costruzioni, attuale gestore dei servizi di igiene urbana nel Comune di Casarano.

Dopo aver vinto l’appalto, la società ha dovuto fronteggiare le richieste di un ex dipendente della precedente gestione di entrare negli elenchi redatti da amministrazione comunale e sigle sindacali ed essere assunti. La Igeco Costruzioni parla di veri e propri “tentativi di aggressione nei confronti dell’impresa, costretta a difendersi dagli attacchi di presunti ex-dipendenti dell’impresa cessante nell’appalto per i servizi di igiene urbana nel Comune di Casarano, i quali avevano fatto istanza, per mezzo dei loro legali, di assunzione”.

Secondo l’impresa, l’intento celato dal ricorrente non era quello di colpire i responsabili della redazione degli elenchi dei lavoratori “aventi effettivamente diritto all’assunzione da parte di Igeco”, ma “l’anello debole della catena, ovvero l’impresa”, pretendendo di poter “forzare” l’elenco, in virtù dei propri trascorsi nella vecchia ditta di gestione del servizio.

Le istanze dell’ex dipendente sono state ritenute infondate dal giudice del lavoro, che le ha rigettate in giudizio: alla base della scelta, un inatteso responso e, cioè, quello di non avere i requisiti richiesti e, quindi, tecnicamente di non poter essere un ex “dipendente” della gestione servizi igiene urbana. L’uomo, infatti, risulta aver lavorato come “autista”, attività peraltro difforme da quella ricercata nell’appalto. Insomma, una vicenda singolare, su cui ora la Igeco spera che si possa mettere la parola fine. 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova gestione di igiene urbana: pretende l’assunzione, il giudice la nega

LeccePrima è in caricamento