Strage di Cursi, a maggio l’assassino davanti al giudice per il rito abbreviato

L’uomo è accusato dell’omicidio di tre vicini di casa: Andrea Marti, di 36 anni, e il padre e la zia di questo, Francesco Antonio e Maria Assunta Quarta

Una foto della scena del crimine.

LECCE - E’ stata fissata per il 15 maggio, davanti al giudice Simona Panzera, l’udienza per valutare la richiesta di rito abbreviato avanzata da Roberto Pappadà, il 57enne artefice della strage compiuta lo scorso 29 settembre in via Tevere a Cursi.

L’uomo, accusato dell’omicidio dei tre vicini di casa Andrea Marti, di 36 anni, e il padre e la zia di questo, Francesco Antonio, di 63 anni, e Maria Assunta Quarta, di 55, aveva chiesto di essere giudicato in abbreviato (così da ottenere lo sconto di un terzo della pena), dopo aver ricevuto il decreto di giudizio immediato.

Il giudice lo aveva quindi mandato a processo ordinario (come richiesto dal pm), senza lo svolgimento dell’udienza preliminare, in considerazione della sua confessione. Proprio dopo l’arresto, durante l’interrogatorio, Pappadà affermò: “So che ho sbagliato e pagherò per quello che ho fatto”.

All’origine del gesto, ci sarebbe la rabbia covata nel tempo per ragioni di parcheggio e che Pappadà sfogò quella sera di fine settembre, aprendo il fuoco di un revolver Smith & Wesson calibro 357 magnum, detenuto illegalmente, e freddando così Andrea Marti, poi il padre e la zia (deceduta successivamente in ospedale). La madre di Andrea, invece, riportò ferite lievi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 57enne è difeso dall’avvocato Nicola Leo, mentre i familiari delle vittime sono assistite dagli avvocati Arcangelo Corvaglia e Marino Francesco Giausa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, aumentano i tamponi. Sono 611 i nuovi positivi e quindici i contagi nel Leccese

  • Dpcm, la protesta nasce pacifica in centro. Ma poi partono gli scontri

  • Il tir si ribalta col carico di frutta: ferito conducente, positivo all’alcol test

  • Virus, stabile l’andamento del contagio. Picco di 43 casi nel Salento

  • Muro abbattuto da braccio della betoniera, investiti studenti: muore in ospedale 22enne

  • Impatto micidiale, sette coinvolti: ragazza in codice rosso per dinamica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento