Omicidio Basile, assolto per non aver commesso il fatto anche Colitti senior

Assolto per non aver commesso il fatto. Si è chiuso l'ennesimo capitolo giudiziario legato all'assassinio del consigliere dell'Italia dei Valori avvenuto a Ugento la notte tra il 14 e il 15 giugno del 2008

LECCE – Assolto per non aver commesso il fatto. Si è chiuso con una nuova assoluzione l’ennesimo capitolo giudiziario legato all'omicidio di Giuseppe Basile, il consigliere dell'Italia dei Valori assassinato a Ugento la notte tra il 14 e il 15 giugno del 2008. Assoluzione piena, dunque, per Vittorio Colitti senior in quello che l’accusa aveva definito un omicidio volontario con l’aggravante dell’efferatezza e dei futili motivi, e per cui aveva chiesto una condanna all’ergastolo. Accolta e condivisa da giudici, ancora una volta, la linea difensiva dell’avvocato Francesca Conte.

Nella sua lunga requisitoria dinanzi ai giudici della Corte d'assise di Lecce (presieduta da Roberto Tanisi), l’avvocato Francesca Conte ha ripercorso le indagini e la storia di un delitto complesso, un omicidio d’impeto secondo l’accusa, giunto al culmine di contrasti tra vicini e di una lite sfociata in una ferocia disumana (furono ben 24 le coltellate inferte sul copro della vittima). La difesa ha evidenziato come il movente appaia infondato e poco plausibile. Così come già stabilito dai giudici del Tribunale per i minorenni nel processo di primo grado nei confronti di Vittorio Luigi Colitti (nipote dell’imputato, assolto con sentenza definitiva il 28 maggio 2013). Nelle oltre centotrenta pagine di sentenza i giudici (presidente Aristodemo Ingusci, estensore Lucia Rabboni) avevano evidenziato come “non vi sia un solo riferimento a una diretta responsabilità di nonno e nipote nell'azione omicidiaria”.

Appare inverosimile se non impossibile, ha spiegato la difesa che l’imputato, dopo aver sferrato oltre venti coltellate non si sia macchiato del sangue della vittima. Altrettanto improbabile è che sia riuscito a lavarsi e cambiarsi in pochissimi minuti. Inoltre l’avvocato Conte ha letto uno stralcio della deposizione in cui un esperto dei Ris spiega come l’abitazione dei Colitti, esaminata con la lampada di Wood, non abbia evidenziato alcuna traccia di sangue.

"La strategia operativa dell'agguato è logicamente e più realisticamente legata a una pianificazione dell'aggressione che nasce all'interno del giardino della casa della vittima, area facilmente raggiungibile dalla campagna". Con queste parole la difesa ha spiegato come la ricostruzione dell'omicidio secondo i consulenti: il generale Luciano Garofano (ex comandante dei Ris dei carabinieri) e il medico-legale Enrico Risso. L'ex consigliere provinciale, dunque, secondo il parere degli esperti sarebbe stato vittima di un agguato avvenuto all'interno del giardino della sua abitazione.Peppino Basile.

Riguardo alla baby testimone (sulla cui valutazione della prova testimoniale i giudici dei Minori si erano soffermati per ben cinquanta pagine) la difesa ha sottolineato la mancanza di “quel connotato di attendibilità necessario per un’affermazione di penale responsabilità”.

Un’assoluzione che getta nuove ombre e dubbi sulla morte di Peppino Basile, in un omicidio che resta ancora senza colpevoli, molto più complesso di quello che si è immaginato. Non sono bastati tre processi, centinaia di ore di dibattimento e decine di testimonianze per squarciare il velo di silenzi e omertà che da subito è calato sull’omicidio.

Al di là di ogni sentenza e ogni verdetto, restano le verità nascoste di chi ha visto e ha taciuto, di chi pur sapendo non ha parlato. E’ sembrato che per molti la legge sia come una rete fastidiosa in cui è troppo facile e scomodo rimanere impigliati. L’omicidio Basile ricalca alla perfezione il più classico dei copioni di quella provincia addormentata, dove il delitto sembra la più semplice delle cose. Quelle coltellate e quel sangue rimangono, però, una ferita aperta nella voglia di giustizia e verità di tanta altra gente che non vuole dimenticare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quella dell’omicidio di Giuseppe Basile, infatti, è divenuta prima un’inchiesta e poi un processo che, come spesso accade, ha proiettato sul palcoscenico di un’aula di Tribunale, la storia, i vizi e le virtù di un’intera collettività. La morte di Peppino Basile, il muratore divenuto politico, metà Masaniello e metà Don Chisciotte, uomo dalle mille battaglie, osteggiato e spesso deriso, è sembrata quasi un peso fastidioso per la comunità ugentina e non solo. Peppino, forse, ha pagato a caro prezzo le sue battaglie e la voglia di non fare mai un passo indietro. Già, perché come ha scritto Voltaire: “Ai vivi dobbiamo rispetto, ai morti solo la verità”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Covid, sei positivi in provincia di Lecce. Rollo: “Presenti in via temporanea”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento