Omicidio della piccola Angelica: il "pentito" ha paura e il processo è rinviato

Donadei ha spiegato di temere ritorsioni dopo aver incontrato gente vicina al clan nella località protetta dove vive

LECCE – Il collaboratore di giustizia si sente minacciato e il processo è rimandato a gennaio.  Doveva essere il giorno dell’ascolto di Massimo Donadei nel processo per il duplice omicidio di Paola Rizzello (di appena 27 anni) e sua figlia Angelica, una bimba, assassinate la sera del 20 marzo 1991, sono tra i delitti più atroci e crudeli mai avvenuti nel Salento. In collegamento in videoconferenza dalla località protetta in cui si trova, Donadei ha spiegato di voler continuare a collaborare con la magistratura e raccontare ciò che sa di quel duplice omicidio.

Il “pentito”, però, avrebbe incontrato nella sua nuova residenza segreta un suo concittadino, ritenuto vicino a molte di quelle persone che le sue dichiarazioni hanno contribuito a far arrestare e condannare. Quest’uomo lo avrebbe fissato e salutato con un atteggiamento quasi di sfida. In passato ci sarebbero già stati casi analoghi. Da qui la necessità di un trasferimento, già inoltrata al Servizio centrale di protezione del Ministero, che gli avrebbe però proposto una località a circa 100 chilometri di distanza in cui vivono altri soggetti di Lecce e Brindisi implicati in altre vicende giudiziarie. L’udienza è stata quindi rinviata per valutare i provvedimenti da adottare.

Dopo la condanna all’ergastolo (divenuta definitiva dopo il pronunciamento della Cassazione nel 2003) dei mandanti di quell’omicidio: Luigi Giannelli, 56 anni; sua moglie Anna De Matteis, 52enne e Donato Mercuri, 51 anni, uomo di fiducia del boss Giannelli, il nuovo processo vede imputato Biagio Toma, 46enne di Parabita, ritenuto dagli inquirenti uno degli autori materiali del duplice omicidio. Uno dei grandi accusatori di Toma è Luigi De Matteis, suo presunto complice reo confesso e collaboratore di giustizia, condannato in abbreviato a 16 anni e otto mesi.

I resti di Paola Rizzello furono recuperati il 19 febbraio del 1997, all’interno di una cisterna nel comune di Parabita, in località contrada Tuli (meglio conosciuta come “Santa Teresa”, lungo la strada vecchia per Alezio), dove fu rinvenuto uno scheletro con il solo teschio parzialmente integro ed alcuni monili d’oro. Oltre all’apparato scheletrico, al teschio, a poche ciocche di capelli e ad alcuni oggetti d’oro, furono rinvenute parti di alcuni indumenti femminili: la parte elastica di un reggiseno, due spalline, filamenti di calze collant ed un paio di scarpe del tipo polacchine in camoscio. I successivi accertamenti medico-legali, e quelli di odontoiatria forense comparativa, consentirono di affermare che i resti in esame appartenevano in vita proprio a Paola Rizzello, il cui decesso, causato da un colpo d’arma da fuoco esploso in prossimità dell’articolazione sternale, si era verificato in un lasso di tempo compreso tra i 5 e i 10 anni precedenti, quindi compatibile con l’epoca della sua scomparsa, avvenuta il 20 marzo 1991.

Paola era stata gettata, come un fagotto, all’interno della vasca. Fu necessario attendere altri due anni, fino al 5 maggio 1999, per ritrovare i resti di Angelica, proprio grazie alle deposizioni di De Matteis. Per otto anni la sua tomba fu un’anonima collinetta rocciosa spersa nelle campagne di Matino, ai piedi di un pino: un buco profondo due metri e ricoperto di terreno indurito dal tempo. Il corpicino era stato nascosto in un sacco di juta, un fagotto in cui mani feroci avvolsero il corpo di una bambina morta ad appena due anni e mezzo da chi, dopo averla rapita, non sapeva che cosa farne. Fu trovata a un paio di chilometri dalla vecchia cisterna dove avevano recuperato il corpo della mamma.

Paola Rizzello divenne l’amante di Giannelli nella prima metà degli anni Ottanta, ma dopo qualche tempo si legò a un altro uomo, uno del suo paese, Luigi Calzolari. Fu una storia breve perché nel 1985 Calzolari fu ucciso. Paola sospettò che a ordinare l’omicidio dal carcere fosse stato proprio Giannelli, e cominciò a fare domande in giro, a cercare di incastrare l’ex amante. Il boss scoprì quasi subito le sue intenzioni e decretò che quella ragazza doveva essere eliminata. Decisone inappellabile, secondo il codice di tutte le mafie, cui si aggiunse quella della moglie del boss, “Anna morte” che, scoperto il tradimento, prima affrontò la ragazza, la insultò e la minacciò, quindi disse che voleva vederla morta. L’ordine di uccidere Paola Rizzello fu impartito da Luigi Giannelli, all’epoca detenuto a Lecce per fatti estorsivi, durante un colloquio in carcere con la moglie Anna Matteis, che lo trasmise a Donato Mercuri, persona incaricata di eseguire materialmente l’omicidio.

Mercuri, per precostituirsi un alibi, individuò come data dell’esecuzione la sera in cui sarebbe stata disputata un’importante partita di calcio, di cui era notoriamente appassionato e a sua volta affidò, secondo la ricostruzione di Luigi De Matteis, a lui e a Toma il compito di portare a termine il progetto di morte. La sera del 20 marzo 1991 i due attesero la donna sulla strada che conduceva alla sua abitazione e seguirono la Panda Rossa su cui viaggiava. La donna, che di lui si fidava, si presentò all’appuntamento con Angelica in braccio e salì a bordo della sua Alfa 75. Condussero Paola Rizzello e la figlia in una casa nelle campagne di Matino, dove era stato nascosto un “fucile da caccia con quattro cartucce a pallini”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

De Matteis puntò l’arma contro la donna, che affrontò con coraggio e spavalderia i suoi assassini: “Non mi fai paura, disse e fece un gesto con la mano, come per scostare la canna del fucile puntata contro di lei”. In quel momento De Matteis esplose il primo colpo che colpì la Rizzello “nella pancia”, attingendo di striscio anche la bambina al piede destro e facendole saltare via la scarpina. Il secondo colpo fu esploso per essere certo che la Rizzello fosse morta, a una distanza di circa un metro, nella regione del petto più vicina al collo. I due assassini si allontanarono dal luogo del delitto, lasciando la bimba ferita e in lacrime. Poi, su ordine dello stesso Mercuri (Se trovano la bambina in quelle condizioni, automaticamente si capisce che alla madre le è successo qualcosa, qualcosa di brutto … No la bambina non si può lasciare. Voi sapete cosa dovete fare”, avrebbe detto l’uomo) tornarono indietro, perché a due anni e mezzo una bimba può parlare e soprattutto ricordare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento