Omicidio di Copertino, ci fu premeditazione: Margari condannato a 18 anni

Si è chiuso con una condanna a 18 anni di reclusione il processo di primo grado per Luigi Margari, l’omicidio di Fabio Frisenda, 33enne di Copertino, freddato in pieno giorno in via San Cosimo, una strada nelle campagne di Copertino. La vittima fu uccisa da un colpo di arma da fuoco. L'accusa aveva chiesto l'ergastolo

LECCE – Il frinire delle cicale come una litania funebre che riecheggia nelle campagne assolate, tra distese di olivi e terra rossa, interrotte da case isolate e capannoni. Si consumò sotto il sole feroce e abbacinante di un luglio torrido (era il 2014) l’omicidio di Fabio Frisenda, 33enne di Copertino, freddato in pieno giorno in via San Cosimo, una strada nelle campagne di Copertino. La vittima fu uccisa da un colpo di arma da fuoco che riecheggiò nel silenzio assordante e metafisico della controra, e che non gli lasciò scampo. 

Oggi, a distanza di poco più di un anno da quel delitto, l’autore di quell’omicidio, Luigi Margari, il 34enne di Copertino che ha scelto di esser giudicato con il rito abbreviato, è stato condannato a 18 anni dal gup Antonia Martalò, che ha escluso l’aggravante dell’aver agito per futili motivi; e ritenuto le attenuanti generiche equivalenti all’aggravante della premeditazione. Per Margari, assistito dall’avvocato Elvia Belmonte, l’accusa rappresentata dal pubblico ministero Guglielmo Cataldi, aveva chiesto l’ergastolo. Il gup ha disposto per ogni parte civile (i genitori e due fratelli della vittima), assititi dagli avvocati Giovanni Valentini e Mina Celestini, una provvisonale di 10mila euro. Le motivazioni della sentenza saranno depositrate tra sessanta giorni. 

Frisenda si trovava agli arresti domiciliari, per i suoi precedenti legati allo spaccio di stupefacenti. Gli era stato, tuttavia, rilasciato un permesso per recarsi al lavoro, in una ditta specializzata nella realizzazione di infissi in alluminio, situata proprio in via San Cosimo. Appena una mezzora prima dell'omicidio, intorno alle 12.25, i carabinieri lo avevano sottoposto a un controllo la vittima, che era regolarmente al lavoro. Intorno alle 13, il delitto.

Margari ha sempre sostenuto che alla base dell’omicidio vi sia la pista passionale, e di aver incontrato per caso la vittima, dopo molti mesi, e di avergli chiesto conto delle presunte avance fatte alla sua compagna quando si trovava in ospedale dopo esser stato gravemente ferito in un agguato. Tra i due sarebbe nato un furioso litigio, poi degenerato. L’assassino, accecato MARGARI LUIGI 1-3dalla rabbia e dalla gelosia, avrebbe esploso due colpi di arma da fuoco: Frisenda fu colpito da un solo proiettile (un secondo colpo andò a vuoto) che lo centrò alla schiena e fuoriuscì dall’emitorace sinistro. Poi, dopo aver nascosto l’arma, fuggì a bordo della sua auto.

Al gip, nel corso di un lungo interrogatorio Margari confermò la pista passionale di un rancore covato per due anni, dall’agosto del 2012, data della sparatoria in cui fu raggiunto da cinque proiettili. Una tesi che, però, non ha mai convinto gli inquirenti. Quello di Margari è un nome e un volto assai conosciuto nella città di San Giuseppe, soprattutto per i modi violenti e la spregiudicatezza, oltre che per il background criminale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle indagini, condotte dal colonnello Saverio Lombardi, comandante del Reparto operativo, e dal capitano Biagio Marro, a capo del Nucleo investigativo del comando provinciale dell'Arma (ufficiali con una lunga serie di casi risolti) sono stati vagliati e analizzati tutti gli elementi: tabulati telefonici, riscontri tecnici e testimonianze. In particolare, è emerso un litigio tra Margari e Frisenda alcuni giorni prima dell’omicidio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio nella casa di riposo e il dato dei contagi in Puglia s'impenna

  • Puglia, positivo il 13 per cento dei tamponi. Un cluster a Castrignano de' Greci

  • Duplice delitto, l’istinto omicida anche in ospedale e la nuova perizia sui bigliettini dell’orrore

  • Notte di terrore: entrano in casa in quattro, uomo bloccato e rapinato

  • Il lusso targato Renè de Picciotto: dal lido di Savelletri alla terrazza pensile di Lecce

  • Covid-19, balzo al 6,5 per cento dei nuovi infetti: sono 350 in Puglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento