Omicidio di piazza Palio: accusa chiede la condanna all'ergastolo per Polimeno

Per il pm si è trattato di un omicidio premeditato, consumato con la volontà di vendicare un torto subito e quindi di uccidere

LECCE – Un omicidio premeditato, consumato con la volontà di vendicare un torto subito, che merita la pena dell’ergastolo. Nella sua requisitoria, puntuale e articolata, il pubblico ministero Carmen Ruggiero ha ricostruito l’intero impianto accusatorio nei confronti di Salvatore Polimeno (detto Andrea), leccese, accusato dell’omicidio di Valentino Spalluto, il 21enne originario di Surbo assassinato il 2 agosto 2012 in piazza Palio. Una serie di tasselli che, incastrandosi tra di loro, dimostrano ogni ragionevole dubbio la colpevolezza dell’imputato.

L’omicidio sarebbe scaturito nell'ambito di una violenta lite scoppiata tra Alessandro Leo e Polimeno per questioni legate, secondo gli investigatori, alla cessione di droga. Il 27, un paio di mesi prima dell'omicidio, avrebbe schiaffeggiato l'assassino, accusandolo di averlo imbrogliato, cedendogli meno eroina del dovuto. Uno scambio di persona che potrebbe aver spezzato la vita di Valentino Spalluto.

Per l'accusa il pomeriggio del 2 agosto, verso le 16.45, Salvatore Polimeno (assistito dall'avvocato Anna Luigia Cretì) avrebbe raggiunto piazza Palio con il suo scooter e, dopo aver fatto un paio di giri di perlustrazione, avrebbe parcheggiato la moto, impugnato la pistola calibro 38 ed esploso tre colpi, scambiando la vittima per Alessandro Leo, che lavorava nella stessa squadra del ragazzo di Surbo. Prima di sparare, però avrebbe sollevato la visiera del casco, rendendosi riconoscibile agli occhi di alcuni testimoni, che si sono poi rivelati però reticenti.

Nel corso delle indagini, condotte dagli agenti della Squadra mobile di Lecce e coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica Carmen Ruggiero, sono stati raccolti una lunga serie di indizi nei confronti del killer, attraverso intercettazioni, tabulati telefonici e testimonianze. Indagini difficili e complesse per il grave clima di intimidazioni  e omertà che si è verificato dopo l’omicidio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad avvalorare l’ipotesi accusatori anche le le dichiarazioni con cui il collaboratore di giustizia Gioele Greco racconta di aver raccolto la confessione dell'imputato. I giudici della Corte d’Assise (presieduta da Roberto Tanisi) hanno fissato per il prossimo 7 giugno la data per la discussione della difesa di Polimeno, Anna Luigia Cretì e per la sentenza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento