Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Omicidio, indagini a 360 gradi. Annullata la tappa leccese di Laura Pausini

Sarà eseguita domani l'autopsia sul corpo di Valentino Spalluto, il 20enne originario di Surbo assassinato ieri pomeriggio in piazza Palio, all'interno della struttura Lecce Fiere. Al momento nessuna pista viene esclusa

 

LECCE – Sarà eseguita domani l’autopsia sul corpo di Valentino Spalluto, il 20enne originario di Surbo assassinato ieri pomeriggio in piazza Palio, all’interno della struttura Lecce Fiere. A eseguire l’esame autoptico sarà il medico legale Alberto Tortorella. Si tratta di un accertamento utile a stabilire anche il tipo e il calibro dell’arma utilizzata nell’agguato. Potrebbe trattarsi di un revolver, poiché sul luogo del delitto gli agenti non hanno rinvenuto alcun bossolo di proiettile.

Le indagini, condotte dagli uomini della squadra mobile e coordinate dal sostituto procuratore della Dda di Lecce, Guglielmo Cataldi, proseguono serrate, a 360 gradi. Al momento nessuna pista o ipotesi viene esclusa. Si continua a scavare nella vita della giovane vittima che non aveva precedenti fatta eccezione per una segnalazione per possesso di sostanza stupefacente. Nel 2009 era stato coinvolto nell’incendio doloso ai danni della lavanderia di proprietà della famiglia dell’attuale vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici e alle Politiche comunitarie di Surbo, Fabio Vincenti. Spalluto aveva comunque chiuso i conti con la giustizia, scontando il periodo di “messa alla prova” inflitto dai giudici del Tribunale per i minorenni.

Sono tanti i dubbi legati a un omicidio ritenuto anomalo, avvenuto in pieno giorno, poco prima delle 17, sotto un sole feroce e abbacinante. Sembrerebbe che chi ha ucciso il 20enne avesse una certa dimestichezza e una certa abilità nel maneggiare le armi, tanto da centrare, a distanza di sette-otto metri, la vittima alla testa e al braccio. Il sicario sarebbe, secondo alcune testimonianze, un uomo lato circa un metro e ottanta, di corporatura media, che indossava una maglia di colore nero, ed un casco integrale della stessa tonalità.

Subito dopo l’agguato l’omicida sarebbe fuggito a bordo di uno scooter “Scarabeo”. I due sarebbero stati notati nel mezzo di un litigio, alcuni minuti prima del triste episodio. Non è ancora dato sapere, tuttavia, se il centauro si sia allontanato per recuperare un'arma, o se ne fosse già provvisto al momento della lite. Spalluto era uno degli operai impegnati nella realizzazione della struttura destinata a ospitare il palco per il concerto della cantante Laura Pausini. Il concerto, previsto per domani sera, è stato annullato, come annunciato in queste ore dall'agenzia "Delta concerti"

 

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio, indagini a 360 gradi. Annullata la tappa leccese di Laura Pausini

LeccePrima è in caricamento