Omicidio della piccola Angelica, ergastolo definitivo per Toma

La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso del 51enne di Parabita ritenuto tra gli autori di uno dei delitti più atroci avvenuto durante gli anni bui della Scu

ROMA - Confermata dalla Corte di Cassazione la condanna all’ergastolo per Biagio Toma, il 51enne di Parabita ritenuto uno degli autori materiali di uno degli omicidi più crudeli avvenuti nel Salento, quello di Paola Rizzello, di appena 27 anni, e di sua figlia Angelica Pirtoli, che di anni ne aveva poco più di due.  Sul duplice omicidio legato alla criminalità organizzata e alla Sacra corona unita, avvenuto la sera del 20 marzo 1991, tutti i giudici sono stati accordo nel ritenere Toma uno degli esecutori materiali.

Fondamentali a risalire al suo coinvolgimento nel delitto commissionato dal boss di Parabita Luigi Giannelli furono le dichiarazioni di collaboratori di giustizia. Ed erano proprio queste dichiarazioni uno dei punti centrali del ricorso presentato dall’avvocato difensore Walter Zappatore che aveva cercato di dimostrare la loro inattendibilità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma la Corte ha respinto il ricorso, rendendo così definitiva la condanna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salvato in extremis dal suicidio, in mano un biglietto d'addio incompiuto

  • Estorsione ai bar e riciclaggio: oltre all'ex senatore, in manette militare salentino

  • Fra serra e casa una piccola fabbrica della marijuana: arrestato

  • Notte di fuoco: distrutte quattro auto e danni a negozi. Immortalato un uomo

  • Arrivi da fuori regione: 20mila entro domenica, uno su tre dalla Lombardia

  • Rischio di focolaio in una Rssa: fatti 90 tamponi a operatori e anziani ospiti

Torna su
LeccePrima è in caricamento