Operaio morto in raffineria, arriva il primo verdetto di condanna

Francesco Fiore, di Veglie il 30 maggio 2013 fu coinvolto in un incidente sul lavoro nell'Api di Falconara Marittima: sei mesi per un addetto alla manutenzione

@TM News/Infophoto

LECCE – C’è una prima condanna nella vicenda giudiziaria legata alla morte di Francesco Fiore, il 54enne di Veglie che il 30 maggio 2013 fu coinvolto in un incidente sul lavoro nella raffineria Api di Falconara Marittima. Fiore morì il 18 giugno dopo una lunga agonia per le ustioni subite.

Con il collega e suo concittadino Gianni Calcagnile, oggi 47enne, alla fine di luglio del 2013 fu chiamato per alcuni lavori all’interno della raffineria marchigiana. I due rimasero investiti da getti di vapore mentre operavano su alcune valvole di sicurezza. Fiore fu trasportato in ospedale, a Cesena, e morì la notte del 18 giugno 2013. Aveva riportato lesioni sul 75 per cento del corpo. Calcagnile rimase gravemente ferito, ma si salvò.

Il gup di Ancona, Francesca Zagoreo, ha condannato con rito abbreviato Marco Benedettelli a sei mesi di reclusione (pena sospesa) per omicidio colposo legato. Benedettelli lavora come operaio addetto alla manutenzione all'Api di Falconara, per lui l’accusa aveva chiesto l’assoluzione. L’ipotesi accusatoria ruota attorno all'organizzazione e l'esecuzione dei lavori su valvole di sicurezza dell'impianto a vapore che sarebbe stato in funzione, anziché fermo durante il tragico intervento di manutenzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per altre sette persone è pendente il processo ordinario per omicidio colposo in concorso: Giancarlo Cogliati, 59enne, varesino, amministratore delegato della società, Francesco Lion, 62enne, padovano, responsabile del settore manutenzione, Michele Del Prete, 44enne di Falconara Marittima, responsabile del reparto ispezione, Pierfilippo Amurri, 57enne della provincia di Ancona, dirigente del settore operazioni, Monica Mais, 47enne di Senigallia, dirigente del settore produzione, Antonio Palma, 64enne di Taranto, legale rappresentante della Ferplast, l’azienda che aveva in carico i lavori nell’Api per i quali furono inviati i due dipendenti vegliesi. Le aziende sono chiamate in causa come persone giuridiche responsabili civili. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento