Operazione "Amici miei", dal Riesame prime conferme e annullamenti

L’indagine condotta dai carabinieri su una presunta associazione dedita al traffico di droga con base a Taviano e attiva in alcune piazze

LECCE – Il Riesame ha espresso i propri verdetti riguardo all’operazione “Amici miei”, l’indagine condotta dai carabinieri su una presunta associazione dedita al traffico di droga con base a Taviano e attiva sulla “piazza” di Gallipoli. Undici le misure eseguite all’alba del 17 settembre scorso: tre in carcere e otto agli arresti domiciliari.

I giudici hanno rigettato l’appello presentato da Vincenzo De Matteis, 42enne di Taviano, assistito dagli avvocati Biagio Palamà e Mario Coppola, che resta dunque in carcere. Rigetto anche per Roxhers Nebiu, 27enne albanese residente a Melissano, che resta ai domiciliari. Accoglimento parziale per Enri Shehaj, 25enne albanese residente a Rutigliano; e Gilberto Perrone, 22enne nato a Gallipoli e residente a Taviano, per cui è stata confermata l’associazione e annullati alcuni capi di imputazione relativamente ad alcuni fatti di spaccio. Per Danel Gjoci, 20enne, albanese residente a Taviano, annullata l'associazione e alcuni capi d'imputazione relativamente a episodi di spaccio. Accoglimento parziale per Saimir Sejidini, 27enne nato in Albania e residente a Taviano, che resta in carcere. Per lui conferma dell’associazione come capo promotore e annullamento di alcuni fatti di spaccio. È dunque caduta l'associazione per alcuni, ed è venuta meno aggravante dell'associazione composta da più di dieci persone. Nebiu, Shehaj, Perrone, Gjoci e Sejidini sono assistiti dall’avvocato Stefano Stefanelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’indagine è stata condotta dai carabinieri della compagnia di Gallipoli, guidati dal capitano Francesco Battaglia, attraverso appostamenti, pedinamenti, perquisizioni e arresti, fino alle misure di custodia cautelare emesse dal gip del Tribunale di Lecce Simona Panzera. L’organizzazione con “sede” a Taviano, era specializzata nel rifornimento, taglio e distribuzione di cocaina, destinata ai paesi limitrofi come Racale, Alezio, Alliste e, soprattutto, il redditizio mercato gallipolino. Durante le indagini i carabinieri hanno registrato migliaia di cessioni di dosi, poi documentate e rimaste agli atti. Il modus operandi era quello noto come “Drug and drive”, ovvero lo scambio della droga dai finestrini di due auto accostate, quasi sempre in luoghi bui e lontani da luoghi di passaggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento