Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Operazione Augusta, arrestato un ricercato nel Lazio

Carlo Brancatelli srebbe tra i fornitori di droga per il cla Rizzo di Lecce. Fermato a Ciampino, dove l'uomo viveva clandestinamente dopo essere sfuggito all'operazione del 4 ottobre scorso dei Ros

Il procuratore Motta, nel giorno degli arresti.-3

CIAMPINO - Siciliano di nascita, romano di adozione, ma legato a doppio filo al Salento da affari tutt'altro che leciti. Riuscito a sfuggire all'arresto dello scorso 4 ottobre, quando nell'ambito della vasta operazione anticrimine "Augusta" condotta su tutto il territorio nazionale dai carabinieri del Ros e dal comando provinciale di Lecce (https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=30328), è stato inferto un duro colpo al sodalizio criminale riconducibile allo storico clan Rizzo, frangia della Sacra corona unita.

Alle 2 della notte scorsa, però, il 48enne Carlo Brancatelli, nato a Messina, secondo gli investigatori dedito al traffico internazionale di spaccio di stupefacenti e all'attività di estorsione, è stato arrestato dai militari della tenenza di Ciampino.

L'uomo, ricercato da dieci giorni, è stato infatti fermato in via Melvin Jones, nella cittadina laziale. Un posto che i carabinieri tenevano già da tempo sotto osservazione perché luogo di residenza dei figli e dei familiari di Brancatelli. E' stato così avvistato dai carabinieri, mentre usciva da un ostello, approfittando del punto piuttosto defilato e poco visibile della struttura.


Immediatamente accerchiato, l'uomo non ha potuto fare altro che arrendersi senza alcuna possibilità di fuga. É Stato accompagnato presso il carcere romano "Regina Coeli". Secondo gli inquirenti, Brancatelli sarebbe stato uno dei fornitori di cocaina per il clan Rizzo. L'interrogatorio di garanzia avverrà nelle prossime ore a Velletri, su rogatoria del gip di Lecce Alcide Maritati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione Augusta, arrestato un ricercato nel Lazio

LeccePrima è in caricamento