Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Operazione "bad cheque", appello al Riesame per gli altri quattro arrestati

Approda al Tribunale del riesame l'inchiesta denominata "Bad cheque" (letteralmente assegno scoperto) che ha sgominato una presunta associazione per delinquere finalizzata all'usura e all'estorsione, smascherata al termine di una lunga e complessa inchiesta coordinata dal sostituto procuratore della Direzione distrettuale antimafia Alessio Coccioli e condotta dal Nucleo di polizia tributaria

LECCE – Approda al Tribunale del riesame l’inchiesta denominata “Bad cheque” (letteralmente assegno scoperto) che ha sgominato una presunta associazione per delinquere finalizzata all'usura e all'estorsione, smascherata al termine di una lunga e complessa inchiesta coordinata dal sostituto procuratore della Direzione distrettuale antimafia Alessio Coccioli e condotta dal Nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Lecce (guidato dal colonnello Nicola De Santis).

Dopo Roberto Giuri (assistito dall’avvocato Luigi Greco e scarcerato nei giorni scorsi), dinanzi al tribunale della Libertà sono stati discussi i casi di Carmine Minerba, 83 anni; i figli Antonio e Massimo; e Aurora Pepe, 56enne di Aradeo (moglie di Antonio Minerba). Gli avvocati Alessandro Tamborrino e Roberta Cofano hanno evidenziato come per i loro assistiti, accusati di associazione per delinquere finalizzata all'usura e all'estorsione, non vi siano esigenze cautelari (si tratta di fatti datati nel tempo), e come gli stessi abbiano semplicemente svolto servizi di intermediazione finanziaria.

A dare avvio alle indagini è stata la denuncia di due presunte vittime che, strozzate dalle pressanti richieste di denaro, hanno rotto il muro del silenzio, trovando il coraggio di raccontare il loro calvario alle fiamme gialle. Le indagini condotte dal Gico della guardia di finanza, hanno evidenziato come i presunti componenti del gruppo criminale utilizzassero la società di intermediazione finanziaria (di cui sono soci all'80 per cento e dipendenti) per avvicinare gli imprenditori della zona in grave stato di bisogno e cui era negato l'accesso al credito da parte delle banche, proponendo finanziamenti a tassi di interesse elevatissimi, anche superiori al 140 per cento.

Prestiti concessi mediante il cosiddetto “sconto” di assegni post-datati e l'acquisizione di ulteriori garanzie come cambiali, assegni emessi da altre persone (amici e parenti che finivano per essere risucchiati nel vortice dell'usura o per perdere i risparmi di una vita), e beni immobili da rilevare come abitazioni o locali commerciali.

Un giro d'affari di milioni di euro, che dimostra come quello dell’usura sia un fenomeno endemico e sotterraneo a un territorio come quello salentino, che rischia di strangolare la piccola e media impresa e di ostacolare la crescita economica e lo sviluppo del commercio. Le indagini, condotte tra il 2008 e il 2012, hanno accertato molteplici episodi usurari commessi a danno di almeno otto vittime (originarie di Neviano, Nardò, Galatone, Gallipoli, Parabita e Galatina), determinando prestiti complessivi per oltre 4 milioni e 400mila euro.

Per chi non riusciva a pagare sarebbe iniziato un calvario fatto di minacce di di azioni esecutive sui titoli offerti in garanzia e sui beni, e vere e proprie richieste estorsive. Emblematico il caso di una donna, all'ottavo mese di gravidanza, maltratta e minacciata in malo modo.

La guardia di finanza ha provveduto al sequestro preventivo di beni per circa 10 milioni di euro. Si tratta, in particolare, della società finanziaria, di tre locali commerciali, quattro appartamenti, cinque autovetture e diciotto conti correnti bancari o postali. Beni affidati all'amministrazione di un custode giudiziario.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione "bad cheque", appello al Riesame per gli altri quattro arrestati

LeccePrima è in caricamento