rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca

Operazione “Oceano” su droga e scommesse clandestine, arrivano le ultime tre condanne

Emesso nei giorni scorsi il verdetto nei riguardi di tre uomini, coinvolti in modo marginale nell’operazione svolta nel 2017 dai finanzieri del Gico del Nucleo di polizia tributaria di Lecce sul sodalizio che avrebbe commercializzato ingenti quantità di droga giunta dall’Albania

LECCE - Coinvolti nella maxi operazione “Oceano” erano stati gli unici a non fare richiesta di riti alternativi e per loro, nei giorni scorsi, si è chiuso il processo discusso in ordinario davanti alla giudice della prima sezione penale del tribunale di Lecce Maddalena Torelli. Sono tre i mesi, più 10mila euro di multa (che andranno ad aggiungersi ad una condanna emessa dalla Corte d’Appello di Lecce il 5 marzo del 2018) inflitti ad Alessio Bellanova, 39enne di Campi Salentina; sei mesi ciascuno per Lorenzo Serra, 60enne residente a Lizzanello, e Maurizio Vernich, 44enne di Lecce (al quale è stato riconosciuto anche il beneficio della pena sospesa).

In particolare, Bellanova era accusato di aver consegnato una Smart Fortwo ai fornitori, come parte del prezzo di sostanze stupefacenti (eroina, hashish e marijuana) ricevute, a Lecce, nell’estate del 2015 e destinate allo spaccio.

Gli altri due, invece, erano finiti al banco degli imputati perché, stando alle indagini svolte nell’ambito dell’inchiesta "Oceano", condotte dal procuratore della Direzione distrettuale antimafia e pubblica accusa nel processo, Guglielmo Cataldi, avrebbero gestito attività di raccolta di scommesse in Italia e all’estero senza le dovute autorizzazioni.

Le loro posizioni erano tra le più marginali nel procedimento sul sodalizio che avrebbe fatto affari commercializzando ingenti quantità di droga giunta dall’Albania, già giudicate in abbreviato e poi, nel maggio del 2019, in Appello.

A svolgere gli accertamenti furono finanzieri del Gico del Nucleo di polizia tributaria di Lecce, a partire dal dicembre 2014 che il 13 settembre del 2017 sfociarono in 18 ordinanze di custodia cautelare.

Le motivazioni della sentenza emessa tre giorni fa saranno depositate nei prossimi trenta giorni.

Gli imputati erano assistiti dagli avvocati Raffaele Benfatto e Paolo Cantelmo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione “Oceano” su droga e scommesse clandestine, arrivano le ultime tre condanne

LeccePrima è in caricamento