Operazione "Vortice-Déjà Vu", la Procura invoca condanne per sei secoli

Il pubblico ministero Guglielmo Cataldi ha chiesto oltre sei secoli di carcere i 65 imputati che hanno scelto il giudizio abbreviato

LECCE – Il pubblico ministero Guglielmo Cataldi ha chiesto oltre sei secoli di carcere i 65 imputati che hanno scelto il giudizio abbreviato nella maxi operazione denominata “Vortice-Déjà vu”, celebrata dinanzi al gup Stefano Sernia, nell’aula bunker di Borgo San Nicola. 

Diciannove anni la richiesta per Sergio Notaro, detto ‘Panzetta, 55enne di Squinzano; 17 anni per Cyril Cedric Savary, 39 anni; 16 anni per Gianluca Candita, 44enne di Torchiarolo, Giovanni Tramacere, 40enne, di San Pietro Vernotico; 14 anni per Danilo De Santis; Marino Manca 42enne, Roberto Napoletano, 29 anni; Antonio e Patrizio Pellegrino; 13 anni per Patrick Colavitto, 35, di Brindisi, Gianluca De Blasi di Novoli, Angelo Di Pierro e Gaetano Diodato; Cosimo Emiliano Palma; Andrea Pierri, 27 di Squinzano ; Fathi Rahmani, 30enne; Stefano Renna, 35, di Lecce; Ilde Saponaro; Emiliano Vergine, 39 di Squinzano; 12 anni ed 8 mesi per Franco Pierri di Squinzano; 12 anni per Fabio Caracciolo, 33enne, Damiano De Blasi, 25, di Trepuzzi, Liliana De Tommasi, 26enne di Campi, Angelo Napoletano, di Squinzano, Alberto Russo, 30 di Campi; Antonio Serratì, 41, di Trepuzzi, Emanuela Spalluto 29 anni di Novoli; Andrea Valentino, 30, di Squinzano, 11 anni per Nicola Pierri, 33 di Squinzano; 10 anni per Alessandro Bruni, 58 anni e anche per Saida Bruni, detta Margot, di 22 anni, Paolo Scazzi, 26, di Squinzano; 9 anni per Alessandra Amira Bruni e Vincenzo Stippelli; 8 anni per Ivan Miglietta; Vladimiro Cassano; Salvatore Elia; Gianluca Tamborrini, e Luca Mita; 7 anni per Alessandro Caracciolo; Simone Casilli; Stefano Guadadiello; Alessio Fortunato; Annamaria Lamarina; Antonio Pierri; Mario Sirsi e Anna Ursino; Luigi Vergine, 41, di Squinzano; Stefania Viterbo, 50 anni di Novoli; 6 anni e 10 mesi per Mario Conte, 34,di Squinzano; 6 anni e 5 mesi per Francesco Taurino, 30, e Luigi Taurino, 50, di Campi Salentina; 6 anni per Vincenzo Carone, 57enne, di Mesagne, Giosuè Primiceri, 54, di Trepuzzi; 5 anni e 10 mesi a Massimiliano Ruggio, 45, di Squinzano; 5 anni per Antonietta e Francesco Ceschi; e Walter Tramacere;3 anni e 6 mesi per Stefano Napoletano, 29, anch'egli di Squinzano; 3 anni per Andrea Spagnolo; Giuliano Paolo Marra e Antonella Notaro; Giuseppe Ricchiuto, 25enne, di Torchiarolo; 2 anni per Gianluca Levante, 34, di Squinzano; 6 mesi a Maurilio D’Elia, 44 anni di Squinzano.

Traffico internazionale di stupefacenti, estorsione ed usura al centro delle indagini partite dai carabinieri del Nucleo investigativo del comando provinciale di Lecce, guidato dal capitano Biagio Marro, e condotte insieme ai colleghi del Ros di Lecce, al comando del colonnello Paolo Vincenzoni. Alla complessa attività hanno partecipato i colleghi del Reparto operativo guidati dal colonnello Saverio Lombardi e quelli della compagnia di Campi Salentina, coordinati dal maggiore Nicola Fasciano. Le ricostruzioni investigative hanno portato all’esecuzione, a novembre scorso, di 26 ordinanze di custodia cautelare in carcere – emesse dalla direzione distrettuale antimafia per associazione di tipo mafioso e altri reati.

Tra i legali che compongono il collegio difensivo, gli avvocati: Stefano Stefanelli, Massimo Bellini, Ladislao Massari, Benedetto Scippa, Antonio Savoia, Paolo Spalluto, Mario Ciardo, Michele Palazzo, Giancarlo Dei Lazzaretti, Andrea Starace, Angelo Vetrugno, Francesco Tobia Caputo e Ivan Feola.

L’indagine “Déjà vu”, cui è poi seguita quella denominata “Vortice” e condotta dai carabinieri del Ros, al comando del colonnello Paolo Vincenzoni, ha delineato le nuove rotte del traffico di sostanze stupefacenti. Un mercato fiorente destinato a rifornire le piazze del nord Salento, fino a Lecce, Brindisi e Taranto. Un mercato redditizio capace di portare a una nuova della nuova fase della Scu salentina: la pax mafiosa. Una nuova strategia dell’appianamento dei contrasti e dell’abiura della guerra, capace di fornire un nuovo terreno fertile alle strategie criminali che, seppur in forma molto più sommersa rispetto al passato, tendono alla conquista del territorio e degli interessi economici.

Accordi e interessi capaci di appianare i contrasti, dopo quasi un quarto di secolo, tra due clan storici: i Tornese e i De Tommasi. Una rottura e una guerra scoppiata con l’omicidio di Ivo de Tommasi (fratello di Gianni).Un’esecuzione che aveva, di fatto, scatenato la guerra tra i due clan, un tempo alleati, lastricando di sangue e proiettili le strade del Salento). Franco Santolla, condannato all’ergastolo per quell’omicidio, aveva pagato a caro prezzo la sanguinosa lotta tra sodalizi criminali. Nel maggio del 1996 un commando armato di quattro persone aveva assassinato il figlio Romualdo, appena 18enne. Una vendetta trasversale che aveva spezzato la vita di chi con la mafia salentina non c'entrava assolutamente nulla. Lui non aveva altra colpa che essere il figlio del presunto boss, estraneo per il resto a qualunque gioco di potere della criminalità organizzata nel Salento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell’ambito delle indagini anche i retroscena del duplice tentato omicidio di Luca Greco e Marino Manca, avvenuto nel pomeriggio dell'8 settembre del 2012 (18 anni di reclusione la condanna inflitta a Salvatore Milito in primo grado). Milito avrebbe estratto una pistola, cercando di colpire Manca, ma invano, perché l'arma si sarebbe inceppata, permettendo a questi di fuggire. Più sfortunato sarebbe stato Greco, intrappolato in casa e impossibilitato a fuggire: l’arrestato lo avrebbe prima colpito con il calcio della pistola e poi con un coltello, ferendolo gravemente. L’agguato sarebbe maturato, secondo l’ipotesi accusatoria, proprio nell’ambito di contrasti legati alla supremazia territoriale di gruppi criminali operanti nel comune di Squinzano e nelle zone limitrofe. Un regolamento di conti commissionato, secondo quanto emerso nell’operazione, proprio da Sergio Notaro e Cyril Cedric Savary. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Covid, sei positivi in provincia di Lecce. Rollo: “Presenti in via temporanea”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento